Vivete da animali terreni consapevoli. In sintonia con il corpo e con la vita, con la Natura e con la Terra. Vivete da animali terreni consapevoli. Consapevoli di essere un fenomeno naturale ed una parte della Natura e della Terra, come tutti gli altri esseri viventi. Vivete da animali terreni consapevoli. Consapevoli della realtà naturale della vita e della morte, della naturale precarietà dell' esistenza e dell' assoluta estraneità degli altri. Vivete da animali terreni consapevoli. Seguite sempre i ritmi della Natura e della Terra e prendete dalla Natura e dalla Terra solo ciò che vi è necessario, consumando solo ciò di cui il vostro corpo ha bisogno per stare bene: cibo e acqua q.b., aria pura da respirare, una sana attività fisica e sessuale, un’ esistenza legata ai ritmi circadiani, otto ore per notte di sonno. Vivete da animali terreni consapevoli. Il corpo è la grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Vivete da animali terreni consapevoli. Trattate tutti gli esseri viventi con rispetto. Tra gli esemplari della specie Homo Sapiens trattate con rispetto solo quelli che trattano con rispetto voi e tutti gli esseri viventi. Vivete da animali terreni consapevoli. Il senso della vita è la vita e non esiste alcun "senso della vita" al di fuori della vita stessa. Vivete da animali terreni consapevoli. AUT AUT. O la Vita, la Natura e la Terra come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT. O una società sana che ha la Vita, la Natura e la Terra come valore, che tuteli la Vita, la Natura e la Terra. O una società malata che ha il denaro e il profitto come valore, che distruggerà la Vita, la Natura e la Terra. Dice: "Se i veri americani avessero respinto tutti gli immigrati oggi il presidente americano si chiamerebbe Toro Seduto". Dico: "Eh...Magari ! Guardate mpò che scriveva un capo indiano nel 1854. Aveva capito tutto !" | Giamba2016 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Giamba2016
"Animale terreno consapevole" e/o "Genus fictus natura et historia" e/o "Io sono una forza del passato solo nella tradizione è il mio amore" sono tre modi diversi di dire la stessa cosa


Diario


2 febbraio 2017

Dice: "Se i veri americani avessero respinto tutti gli immigrati oggi il presidente americano si chiamerebbe Toro Seduto". Dico: "Eh...Magari ! Guardate mpò che scriveva un capo indiano nel 1854. Aveva capito tutto !"



Lettera del capo indiano Seattle al presidente Usa Franklin Pierce


Nel 1854 il "Grande Bianco" di Washington

(il presidente degli Stati Uniti)

si offri' di acquistare una parte del territorio indiano

e promise di istituirvi una "riserva" per il popolo indiano.

Ecco la risposta del "capo Seattle",

considerata ancora oggi

la piu' bella, la piu' profonda dichiarazione mai fatta sull'ambiente.



 Come potete acquistare o vendere 

il cielo il calore della terra? 

L'idea ci sembra strana.

Se noi non possediamo la freschezza dell'aria

lo scintillio dell'acqua sotto il sole

come e' che voi potete acquistarli?

Ogni parco di questa terra 

e' sacro per il mio popolo.

Ogni lucente ago di pino

ogni riva sabbiosa,

ogni lembo di bruma dei boschi ombrosi

ogni radura

ogni ronzio di insetti

e' sacro nel ricordo e nell'esperienza del mio popolo.

La linfa che cola negli alberi

porta con se' il ricordo  dell'uomo rosso.

Noi siamo una parte della terra

e la terra fa parte di noi.

I fiori profumati sono i nostri fratelli

il cavallo la grande aquila sono i nostri fratelli

la cresta rocciosa il verde dei prati

 il calore dei pony e l'uomo

appartengono tutti alla stessa famiglia.

Quest'acqua scintillante

che scorre nei torrenti e nei fiumi

non e' solamente acqua

per noi e' qualcosa di immensamente significativo

e' il sangue dei nostri padri. 

I fiumi sono nostri fratelli

ci dissetano quando abbiamo sete.

I fiumi sostengono le nostre canoe

sfamano i nostri figli.

Se vi vendiamo le nostre terre

voi dovrete ricordarvi

e insegnarlo ai vostri figli

che i fiumi sono i nostri e i vostri fratelli

e dovrete dimostrare per i fiumi 

lo stesso affetto che dimostrerete ad un fratello.

Sappiamo che l'uomo bianco

non comprende i nostri costumi.

Per lui una parte di terra e' uguale all'altra

perche' e' come uno straniero che arriva di notte

e alloggia nel posto che piu' gli conviene.

La terra non e' suo fratello

anzi e' suo nemico

e quando l'ha conquistata va oltre

piu' lontano. 

Tratta sua madre la terra

e suo fratello il cielo

come se fossero semplicemente 

delle cose da acquistare prendere e vendere

come si fa con le pietre preziose.

Il suo appetito divorera' tutta la terra 

e a lui non restera' che il deserto. 

Non esiste un posto accessibile 

nelle citta' dell'uomo bianco.

Non esiste un posto 

per vedere le foglie e i fiori sbocciare in primavera

o ascoltare il fruscio delle ali di un insetto.

Ma forse e' perche' io sono un selvaggio e non posso capire.

Il baccano sembra insultare le orecchie.

E quale interesse puo' avere l'uomo a vivere

senza ascoltare il rumore delle capre 

che succhiano l'erba

o il chiacchierio delle rane

la notte attorno ad uno stagno? 

Io sono un uomo rosso e non capisco.

L'indiano preferisce il dolce suono del vento

che slanciandosi come una freccia 

accarezza la faccia dello stagno

e preferisce l'odore del vento 

bagnato dalla pioggia mattutina

o profumato dal pino pieno di pigne.

L'aria e' preziosa per l'uomo rosso

giacche' tutte le cose 

respirano con la stessa aria

le bestie, gli alberi, gli uomini

tutti respirano la stessa aria.

L'uomo bianco non sembra far caso 

all'aria che respira.

Come un uomo che impiega parecchi giorni a morire 

resta insensibile alle punture.

Ma se noi vendiamo le nostre terre

voi dovrete ricordare che l'aria per noi e' preziosa.

E se noi vi vendiamo le nostre terre 

voi dovrete guardarle in modo diverso

tenerle per sacre

e considerarle un posto

in cui anche l'uomo bianco 

possa andare a gustare il vento

reso dolce dai fiori del prato.

Considereremo l'offerta di acquistare le nostre terre. 

Ma se decidiamo di accettare la proposta 

io porro' una condizione

l'uomo bianco dovra' rispettare le bestie 

che vivono su questa terra

come se fossero suoi fratelli.

Che cos'e' l'uomo senza le bestie? 

Se tutte le bestie sparissero

l'uomo morirebbe di una grande solitudine.

Poiche' cio' che accade alle bestie 

prima o poi accade anche all' uomo.

Tutte le cose sono legate tra loro.

Dovrete insegnare ai vostri figli 

che il suolo che essi calpestano

e' fatto dalle ceneri dei nostri padri.

Affinche' i vostri figli rispettino questa terra,

dite loro che essa e' arricchita 

dalle vite della nostra gente.

Insegnate ai vostri figli 

quello che noi abbiamo insegnato ai nostri

la terra e' la madre di tutti noi.

Tutto cio' che di buono arriva dalla terra 

arriva anche ai figli della terra.

Se gli uomini sputano sulla terra

sputano su se stessi.

Noi almeno sappiamo questo

la terra non appartiene all'uomo, 

bensi' e' l'uomo che appartiene alla terra. 

Questo noi lo sappiamo.

Tutte le cose sono legate fra loro

come il sangue 

che unisce i membri della stessa famiglia.

Tutte le cose sono legate fra loro.

Tutto cio' che si fa per la terra 

lo si fa per i suoi figli.

Non e' l'uomo che ha tessuto le trame della vita

egli ne e' soltanto un filo.

Tutto cio' che egli fa alla trama lo fa a se stesso.






permalink | inviato da _Giamba_ il 2/2/2017 alle 8:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

diario
Terapia intensiva di disintossicazione musicale
MoVimento Cinque Stelle
Coglioni e coglionatori
Specchietti per le allodole
I misteri della poltica
Le donne e l'amore
Buone notizie
Una risata vi seppellirà
I teoremi dello zio Giamba
Ma quanto so' buoni 'sti ebrei !
L'arte che mi piace
Il cinema che mi piace
Signoraggio bancario
Altra informazione
Il lento ma inesorabile degrado dei sinistri
Ogni comunità è sempre e comunque una mafia
I contributi di Giovan Maria Catalan Belmonte
Mi beo degli zotici
Angoscia. illusione, mistificazione, controllo
Il paese della libertà ? Maddechè ?
Friedrich Wilhelm Nietzsche
Max Stirner
Detti e citazioni latine
Comunicando con gli altri bloggers
Zia Democra
I Taliani
Cultura identitaria
AUT AUT O la vita come valore o il denaro come valore
Il cristianesimo è un delirio contro natura
L'unica realtà che esiste è l'individuo
Pier Paolo Pasolini
I coatti mentecatti della società dei consumi
L’ insostenibile leggerezza dell’ essere
Il gioco E’ le sue regole
Il pericoloso delirio della Fede nell’ Umanità;
Uscire fuori dalla logica economica
Chi crede avvelena anche te ! Digli di smettere !
Il virus Rousseau
Nativi americani
Buffoni di corte
Ezra Pound
Mio figlio è un uomo di successo ! Mi dispiace signora...
Arguti cialtroni
La televisiun la t'endormenta come un cujun
La società umana o è patriarcale o non è
Totò
Vaticano S.P.A.
Pantelleria
Ma l'Italia è in grado di dare nutrimento a tutti 'sti immigrati ?
Habere non haberi
Teste di prete
Apologia dello stronzo
Luigi Pirandello
Julius Evola
Sub specie aeternitatis
Mass media e manipolazione

VAI A VEDERE

Giamba Facebook
Giamba Twitter
Wikileaks
Altra Informazione
Manifesto antimodernità
Lettera del capo indiano Seattle al presidente USA


 

 

 

  Trovate tutti i miei posts

anche sul mio profilo facebook

www.facebook.com/giamba.pellei    

  e tutti i miei tweets

sul mio profilo twitter

https://twitter.com/GiambaLibero

Genus fictus

natura et historia

e/o animale terreno

consapevole

e/o io sono

una forza del passato

solo nella tradizione

è il mio amore

sono tre modi diversi

di dire la stessa cosa.

L'unica realtà che esiste

è l'individuo.

  La cosiddetta "comunità" 

   è un'invenzione

di ricchi e potenti, 

  ed è sempre e comunque

una mafia,

  creata

per annichilire gli individui, 

 omologarli in un gregge

  e portarli tutti insieme

a tosare

per far lana per il padrone.

 
 
 

 

CERCA