Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Siamo una parte della Natura e della Terra. Vivi in sintonia com il tuo corpo e con la tua vita, con la Natura e con la Terra. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto: tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens tratta con rispetto solo quelli che ti trattano con rispetto. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Alzati e ritirati con il sole. Il senso della vita è la vita e non esiste alcuno "senso della vita" al di fuori della vita stessa ERGO chi cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita. AUT AUT O la vita come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società che abbia la vita come valore o una società che abbia il denaro e il profitto come valore. Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Siamo una parte della Natura e della Terra. Vivi in sintonia com il tuo corpo e con la tua vita, con la Natura e con la Terra. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto: tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens tratta con rispetto solo quelli che ti trattano con rispetto. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Alzati e ritirati con il sole. Il senso della vita è la vita e non esiste alcuno "senso della vita" al di fuori della vita stessa ERGO chi cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita. AUT AUT O la vita come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società che abbia la vita come valore o una società che abbia il denaro e il profitto come valore. Giamba2016 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Giamba2016
"Animale terreno consapevole" e/o "Genus fictus natura et historia" e/o "Io sono una forza del passato solo nella tradizione è il mio amore" sono tre modi diversi di dire la stessa cosa


Friedrich Wilhelm Nietzsche


16 novembre 2017

Moralità signore - servo in Friedrich Wilhelm Nietzsche


La moralità signore-servo è un tema centrale nelle opere del filosofo tedesco Friedrich Nietzsche, in particolare nella Genealogia della morale.

Nietzsche sosteneva che vi erano due tipi fondamentali di moralità: la morale del signore e la morale del servo.

La moralità del padrone pesa azioni su di una scala di conseguenze buone o cattive, a differenza della morale dello schiavo, che pesa le azioni su una scala di intenzioni buone o cattive.

Ciò che Nietzsche intende per "moralità" si discosta dalla comune comprensione di questo termine.

Per Nietzsche, una determinata morale è inseparabile dalla formazione di una cultura particolare.

Ciò significa che il suo linguaggio, i codici, le pratiche, i racconti e le istituzioni sono informati dalla lotta tra questi due tipi di valutazione morale.

Per Nietzsche, la morale padrone - schiavo costituisce la base di tutte le esegesi del pensiero occidentale.

Mentre la morale degli schiavi valorizza cose come la bontà, l'umiltà e l'amicizia; la moralità del padrone valorizza invece l'orgoglio, la forza e la nobiltà.

La moralità del signore

Nietzsche definisce la morale del padrone come la moralità del tenace.

Nietzsche critica la visione, che egli identifica con l'ideologia contemporanea britannica, che è bene tutto ciò che è utile, mentre tutto ciò che è male è ciò che è dannoso.

Egli sostiene che questo punto di vista ha dimenticato le origini dei valori, e quindi chiama ciò che è buono utile per abitudine - ciò che è utile è sempre stato definito come buono, quindi l'utilità è la bontà come un valore.

Nietzsche continua spiegando che allo stato preistorico, "il valore o il non-valore di un'azione è stato derivato dalle sue conseguenze", ma in ultima analisi, "Non ci sono affatto fenomeni morali, ma solo interpretazioni morali dei fenomeni".

Per questi uomini moralmente determinati, il buono è il nobile, forte e potente, mentre il cattivo è il debole, vile, timido e piccolo.

L'essenza della moralità del padrone è la nobiltà.

Altre qualità che sono spesso valutate nella morale del padrone sono l'apertura mentale, il coraggio, la sincerità, la fiducia e un senso preciso di autostima.

La moralità del padrone inizia nel nobile con un'idea spontanea del bene; allora l'idea di una cattiva sviluppa come ciò che non è buono.

"Il tipo nobile di uomo sperimenta sé stesso come determinare i valori, non ha bisogno di approvazione; giudica, affermando che "ciò che è dannoso per me è dannoso in sé".

Egli sa di essere colui che concede l'onore alle cose; questa è la creazione dei valori. In questo senso, la moralità del padrone è il pieno riconoscimento che il sé stesso è la misura di tutte le cose; quindi come qualcosa è utile all'uomo tenace, è come essa viene valorizzata dallo stesso.

Perciò, l'uomo tenace valuta questo tipo di cose come delle cose buone.

I padroni sono i creatori della moralità; gli schiavi rispondono alla morale del maestro con la loro morale, quella dello schiavo.

La moralità del servo

A differenza dei padroni, la moralità è il sentimento, la morale degli schiavi è letteralmente ri - sentimento - rivalutando quelli che sono i valori del padrone.

Questo allontana dalla valutazione di azioni basate sulle conseguenze per la valutazione delle azioni basate sull' "intenzione".

Come la moralità del padrone ha origine nel forte, la morale degli schiavi ha origine nei deboli.

Poiché la morale degli schiavi è una reazione contro l'oppressione, essa incattivisce i suoi oppressori.

La morale degli schiavi è l'inverso della morale del padrone.

Come tale, essa è caratterizzata dal pessimismo e dal cinismo.

La morale degli schiavi è stata creata in opposizione ai valori che la moralità del padrone ritiene buoni.

La morale da schiavi non mira ad esercitare la volontà dell'individuo con la forza, ma dalla sua cauta sovversione.

Essa non cerca di superare i padroni, né di renderli schiavi.

L'essenza della morale degli schiavi è l'utilità: il bene è la cosa più utile per tutta la comunità, non il forte.

Nietzsche ha visto questo concetto come una contraddizione.

Dal momento che i potenti sono numericamente pochi rispetto alle masse dei deboli, i deboli ottengono il potere corrompendo i forti facendogli credere che le cause della schiavitù (cioè la volontà di potenza) sono un male, come lo sono le qualità che originariamente non potevano scegliere a causa della loro debolezza.

Dicendo che l'umiltà è volontaria, la morale degli schiavi evita di ammettere che la loro umiltà era nel principio imposto loro dal padrone.

I principi biblici di porgere l'altra guancia, l'umiltà, la carità e la pietà sono il risultato dell'universalizzazione della condizione dello schiavo su tutta l'umanità e, quindi, la conseguente riduzione in schiavitù dei padroni.

"Il movimento democratico è l'eredità del cristianesimo".

La democrazia è la manifestazione politica della morale dello schiavo, a causa della sua ossessione per la libertà e per l'uguaglianza.

« Gli ebrei hanno raggiunto quel miracolo di inversione di valori, grazie al quale la vita sulla terra ha, per un paio di millenni, acquistato un fascino nuovo e pericoloso. I loro profeti fusero il ricco, senza dio, malvagio, violento, sensuale in un unico concetto e furono i primi a coniare la parola mondo come un termine di infamia.

È questa l'inversione di valori (con cui è coinvolto l'impiego della parola povero come sinonimo di santo ed amico) che risiede nel significato del popolo ebraico.

Con loro si inizia la rivolta degli schiavi nella moralità. »

Società

Questa lotta morale tra padrone e schiavo ricorre spesso anche nella storia.

Secondo Nietzsche, le società dell'Antica Grecia e dell'Antica Roma erano state bloccate nella moralità del padrone.

L'eroe omerico è l'uomo tenace, e le radici classiche dell'Iliade e dell'Odissea hanno esemplificato la morale del padrone teorizzata da Nietzsche.

Egli chiama gli eroi "uomini di cultura nobile", dando un esempio sostanziale della moralità del padrone.

Storicamente, la moralità del padrone è stata sconfitta dalla morale degli schiavi del cristianesimo, che si espande in tutto l'Impero romano.

Secondo Nietzsche, la lotta fondamentale tra le culture è sempre stata quella tra la cultura romana (conquistatore, forte) e quella giudea (servo, debole).

Egli condanna il trionfo della morale degli schiavi in Occidente, dicendo che il movimento democratico è la "degenerazione collettiva dell'uomo".

Nietzsche afferma che il nascente movimento democratico del suo tempo era sostanzialmente servile e debole.

La debolezza ha conquistato la forza, lo schiavo ha conquistato il padrone, il risentimento ha conquistato il sentimento.

Questo risentimento Nietzsche lo chiama "spirito di vendetta sacerdotale", che è la gelosia dei deboli che cercano di rendere schiavo il forte con sé stessa.

Per Nietzsche, tali movimenti sono stati ispirati dalla "rivincita più intelligente" dei deboli.

Nietzsche ha visto la democrazia e il cristianesimo come lo stesso impulso castrante che ha cercato di rendere tutti uguali, di rendere tutti degli schiavi.






permalink | inviato da _Giamba_ il 16/11/2017 alle 18:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

diario
Terapia intensiva di disintossicazione musicale
MoVimento Cinque Stelle
Coglioni e coglionatori
Specchietti per le allodole
I misteri della poltica
Le donne e l'amore
Buone notizie
Una risata vi seppellirà
I teoremi dello zio Giamba
Ma quanto so' buoni 'sti ebrei !
L'arte che mi piace
Il cinema che mi piace
Signoraggio bancario
Altra informazione
Il lento ma inesorabile degrado dei sinistri
Ogni comunità è sempre e comunque una mafia
I contributi di Giovan Maria Catalan Belmonte
Mi beo degli zotici
Angoscia. illusione, mistificazione, controllo
Il paese della libertà ? Maddechè ?
Friedrich Wilhelm Nietzsche
Max Stirner
Detti e citazioni latine
Comunicando con gli altri bloggers
Zia Democra
I Taliani
Cultura identitaria
AUT AUT O la vita come valore o il denaro come valore
Il cristianesimo è un delirio contro natura
L'unica realtà che esiste è l'individuo
Pier Paolo Pasolini
I coatti mentecatti della società dei consumi
L’ insostenibile leggerezza dell’ essere
Il gioco E’ le sue regole
Il pericoloso delirio della Fede nell’ Umanità;
Uscire fuori dalla logica economica
Chi crede avvelena anche te ! Digli di smettere !
Il virus Rousseau
Nativi americani
Buffoni di corte
Ezra Pound
Mio figlio è un uomo di successo ! Mi dispiace signora...
Arguti cialtroni
La televisiun la t'endormenta come un cujun
La società umana o è patriarcale o non è
Totò
Vaticano S.P.A.
Pantelleria
Ma l'Italia è in grado di dare nutrimento a tutti 'sti immigrati ?
Habere non haberi
Teste di prete
Apologia dello stronzo
Don Matteo Renzie: il pretino democristiano
Luigi Pirandello
Julius Evola
Sub specie aeternitatis
Mass media e manipolazione
Change.org

VAI A VEDERE

Giamba Facebook
Giamba Twitter
Il fatto quotidiano
Change
Wikileaks
NO TAV
Anticapitalismo
Altra Informazione
Cambiare stile di vita
Manifesto antimodernità
Lettera del capo indiano Seattle al presidente USA


 

 

Tutti i miei posts sono pubblicati

anche sul mio profilo facebook

www.facebook.com/giamba.pellei  

 

 

Il corpo è la mia grande ragione.

Esso non dice IO.

Esso fa IO.

C'è più verità nel corpo

che in tutte le religioni e le filosofie

della Terra.

L'unica realtà che esiste è l'individuo.

La cosiddetta "comunità" 

è un'invenzione di ricchi e potenti,

ed è sempre e comunque una mafia,

creata per annichilire gli individui,

omologarli in un gregge

e portarli tutti insieme a tosare

per far lana per il padrone.

 

CERCA