Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Vivi in sintonia col corpo. Vivi in sintonia con la vita. Vivi in sintonia con la Natura. Vivi in sintonia con la Terra. Noi siamo una parte della Natura e della Terra. Tutta la vita è sacra. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Alzati e ritirati con il sole. Il senso della vita è la vita e non esiste alcuno "senso della vita" al di fuori della vita stessa ERGO chi cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita. AUT AUT O la vita come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società che abbia la vita come valore o una società che abbia il denaro e il profitto come valore. Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Vivi in sintonia col corpo. Vivi in sintonia con la vita. Vivi in sintonia con la Natura. Vivi in sintonia con la Terra. Noi siamo una parte della Natura e della Terra. Tutta la vita è sacra. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Alzati e ritirati con il sole. Il senso della vita è la vita e non esiste alcuno "senso della vita" al di fuori della vita stessa ERGO chi cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita. AUT AUT O la vita come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società che abbia la vita come valore o una società che abbia il denaro e il profitto come valore. Giamba2016 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Giamba2016
"Animale terreno consapevole" e/o "Genus fictus natura et historia" e/o "Io sono una forza del passato solo nella tradizione è il mio amore" sono tre modi diversi di dire la stessa cosa


Max Stirner


15 aprile 2014

Essere un uomo non vuol dire adempiere l'ideale dell'uomo, ma rappresentare se stesso come singolo.




Io non mi considero qualcosa di particolare:

io mi considero unico.

 

La lotta per l'autoaffermazione è inevitabile,

perché ogni cosa tiene a sé stessa

e nello stesso tempo

si scontra continuamente con altre cose.

 

Chi si sente spirito libero

non è oppresso o angustiato dalle cose di questo mondo,

perché non le considera.

Se uno sente ancora il loro peso,

vuol dire che è tanto limitato

da dar lui stesso peso a quelle cose.

 

Dobbiamo finalmente renderci conto

del fatto che lo spirito,

cioè l'unica cosa che il cristiano ama,

non è niente,

ossia che lo spirito è una menzogna.

 

Non pensare che io scherzi

o che parli per immagini

se considero tutti gli uomini

che sono fissati su qualcosa di superiore,

e sono l'enorme maggioranza, quasi tutta l'umanità,

completamente matti,

matti da manicomio.

 

Il Mammona terrestre e il Dio celeste

richiedono entrambi

nello stesso modo e nella stessa misura

che uno rinneghi se stesso.

 

Adulti,

i giovani lo divengono

quando cinguettano come i vecchi;

li s'incalza con la scuola,

affinché imparino la vecchia lagna,

e quando ce l'hanno ormai dentro,

li si dichiara adulti.

 

Gli ideali riescono a vincere completamente

solo quando non avversano più l'interesse personale,

cioè quando soddisfano l'egoismo.

 

Di fronte al sacro

perdiamo ogni potenza e intrepidezza:

nei suoi confronti siamo impotenti e trepidi.

E tuttavia nessuna cosa è sacra in virtù di sé stessa,

ma invece perché io la dichiaro sacra,

cioè in virtù della mia sentenza,

del mio giudizio,

delle mie genuflessioni,

insomma della mia coscienza.

 

Il prossimo comincia da sé stessi!

 

Egoistico

è non attribuire a nessuna cosa

un valore proprio o "assoluto",

ma cercare sempre in me il suo valore.

 


Tu hai diritto di essere ciò che hai il potere di essere.

 

Se ti fai dar ragione da un altro,

devi anche accettare che ti possa dar torto;

se la giustificazione e la lode devono venirti da lui,

aspetta anche la sua accusa e la sua punizione.

 

Sotto la religione e la politica

l'uomo si trova a guardare tutto

dal punto di vista del dovere:

egli deve essere questo o quello,

deve diventare questo o quello.

 

Non si è degni di avere

ciò che ci si lascia prendere per debolezza;

non se ne è degni perché non se ne è capaci.

 

Chi deve logorarsi la vita per sopravvivere

non può goderla

e chi va in cerca della sua vita non l'ha ancora

e quindi non può goderla nemmeno lui:

l'uno e l'altro sono poveri.

 

Finché tu credi alla verità,

tu non credi a te stesso

e sei un servo, un uomo religioso.

Tu solo sei la verità

o, piuttosto, tu sei più della verità,

la quale senza di te non è proprio niente.

 

Ogni essere superiore a me stesso,

sia Dio o l'uomo,

indebolisce il sentimento della mia unicità

e impallidisce

appena risplende il sole di questa mia consapevolezza.

Se io fondo la mia causa su di me,

l'unico,

essa poggia sull'effimero, mortale creatore di sé

che se stesso consuma,

e io posso dire:

Io ho fondato la mia causa su nulla. 

 

La devozione ha subito, nell'ultimo secolo, tanti mai colpi,

e il suo essere sovrumano

si è sentito chiamare tante mai volte "inumano",

che ormai non c'è più alcun gusto ad attaccarla.

E tuttavia si sono fatti avanti quasi sempre,

come avversari,

soltanto uomini morali,

che combattevano l'essere supremo

in nome di un altro essere supremo. 

 

Nessuna religione

ha mai potuto fare a meno di promettere “ricompense”,

sia che queste si riferissero all’aldilà che all’aldiquà

(lunga vita etc.);

l’uomo infatti è avido,

e gratis non fa niente.

 

Io faccio derivare

ogni diritto e ogni legittimità da me stesso;

io sono legittimato a fare tutto ciò

che ho il potere di fare.

Io sono legittimato a rovesciare Zeus, Yahweh, Dio, ecc.,

se sono capace di farlo;

altrimenti questi dèi

avranno sempre più diritto e più potere di me. 






permalink | inviato da _Giamba_ il 15/4/2014 alle 19:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

diario
Terapia intensiva di disintossicazione musicale
MoVimento Cinque Stelle
Coglioni e coglionatori
Specchietti per le allodole
I misteri della poltica
Le donne e l'amore
Buone notizie
Una risata vi seppellirà
I teoremi dello zio Giamba
Ma quanto so' buoni 'sti ebrei !
L'arte che mi piace
Il cinema che mi piace
Signoraggio bancario
Altra informazione
Il lento ma inesorabile degrado dei sinistri
Ogni comunità è sempre e comunque una mafia
I contributi di Giovan Maria Catalan Belmonte
Mi beo degli zotici
Angoscia. illusione, mistificazione, controllo
Il paese della libertà ? Maddechè ?
Friedrich Wilhelm Nietzsche
Max Stirner
Detti e citazioni latine
Comunicando con gli altri bloggers
Zia Democra
I Taliani
Cultura identitaria
AUT AUT O la vita come valore o il denaro come valore
Il cristianesimo è un delirio contro natura
L'unica realtà che esiste è l'individuo
Pier Paolo Pasolini
I coatti mentecatti della società dei consumi
L’ insostenibile leggerezza dell’ essere
Il gioco E’ le sue regole
Il pericoloso delirio della Fede nell’ Umanità;
Uscire fuori dalla logica economica
Chi crede avvelena anche te ! Digli di smettere !
Il virus Rousseau
Nativi americani
Buffoni di corte
Ezra Pound
Mio figlio è un uomo di successo ! Mi dispiace signora...
Arguti cialtroni
La televisiun la t'endormenta come un cujun
La società umana o è patriarcale o non è
Totò
Vaticano S.P.A.
Pantelleria
Ma l'Italia è in grado di dare nutrimento a tutti 'sti immigrati ?
Habere non haberi
Teste di prete
Apologia dello stronzo
Don Matteo Renzie: il pretino democristiano
Luigi Pirandello
Julius Evola
Sub specie aeternitatis
Mass media e manipolazione
Change.org

VAI A VEDERE

Giamba Facebook
Giamba Twitter
Il fatto quotidiano
Change
Wikileaks
NO TAV
Anticapitalismo
Altra Informazione
Cambiare stile di vita
Manifesto antimodernità
Lettera del capo indiano Seattle al presidente USA
Liberarsi dal consumismo


 

 

Tutti i miei posts  

 sono pubblicati qui   

sul mio profilo facebook     

www.facebook.com/giamba.pellei

e sull' altro mio blog

www.giambalibero.wordpress.com

 

 

Il corpo è la mia grande ragione.

Esso non dice IO.

Esso fa IO.

C'è più verità nel corpo

che in tutte le religioni e le filosofie

della Terra.

L'unica realtà che esiste è l'individuo.

La cosiddetta "comunità" 

è un'invenzione di ricchi e potenti,

ed è sempre e comunque una mafia,

creata per annichilire gli individui,

omologarli in un gregge

e portarli tutti insieme a tosare

per far lana per il padrone.

 

CERCA