Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Siamo una parte della Natura e della Terra. Vivi in sintonia con il tuo corpo e con la tua vita con la Natura e con la Terra. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto. Tra gli esemplari della specie Homo Sapiens tratta con rispetto solo quelli che trattano con rispetto te e tutti gli esseri viventi. Il senso della vita è la vita e non esiste alcun "senso della vita" al di fuori della vita stessa. L' esemplare della specie Homo Sapiens in sintonia con il suo corpo e con la sua vita con la Natura e con la Terra è un animale sano che sente istintivamente che il senso della vita è la vita e sente istintivamente cos'è bene per la Vita per la Natura e per la Terra e cos'è male per la Vita per la Natura e per la Terra. L'esemplare della specie Homo Sapiens che ha perso la sintonia con il suo corpo e con la sua vita, con la Natura e con la Terra e cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita con la Natura e con la Terra, pericoloso per la Vita, per la Natura e per la Terra. AUT AUT O la Vita, la Natura e la Terra come valore o il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società sana che abbia la Vita, la Natura e la Terra come valore. O una società malata che abbia il denaro e il profitto come valore. Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Siamo una parte della Natura e della Terra. Vivi in sintonia con il tuo corpo e con la tua vita con la Natura e con la Terra. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto. Tra gli esemplari della specie Homo Sapiens tratta con rispetto solo quelli che trattano con rispetto te e tutti gli esseri viventi. Il senso della vita è la vita e non esiste alcun "senso della vita" al di fuori della vita stessa. L' esemplare della specie Homo Sapiens in sintonia con il suo corpo e con la sua vita con la Natura e con la Terra è un animale sano che sente istintivamente che il senso della vita è la vita e sente istintivamente cos'è bene per la Vita per la Natura e per la Terra e cos'è male per la Vita per la Natura e per la Terra. L'esemplare della specie Homo Sapiens che ha perso la sintonia con il suo corpo e con la sua vita, con la Natura e con la Terra e cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita con la Natura e con la Terra, pericoloso per la Vita, per la Natura e per la Terra. AUT AUT O la Vita, la Natura e la Terra come valore o il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società sana che abbia la Vita, la Natura e la Terra come valore. O una società malata che abbia il denaro e il profitto come valore. Giamba2016 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Giamba2016
"Animale terreno consapevole" e/o "Genus fictus natura et historia" e/o "Io sono una forza del passato solo nella tradizione è il mio amore" sono tre modi diversi di dire la stessa cosa


Il gioco E’ le sue regole


7 settembre 2018

In assenza di qualcuno che punisca chi trasgredisce leggi e regole hai voglia a parla' per educare al rispetto di leggi e regole: nun te se caca nessuno e ognuno continua a fa' mpò come cazzo se pare


ovverossia:

"Fare leggi uguali per tutti ed imporle in modo uguale a tutti, anche agli "amici degli amici", naturalmente solo e soltanto all' interno di una società in cui ci sia uguale distribuzione di ricchezza e di potere tra gli esemplari della specie Homo Sapiens che la compongono, non è un' attività fascista, repressiva della libertà, che turba il "sacro valore dell' amicizia", ma il solo modo per far rispettare leggi e regole e costruire una società di liberi ed eguali"


O NOOO ??

1) UN EPISODIO DI VITA VISSUTA

Dico, mentre cammino sul marciapiede, al tipo che, con la pista ciclabile accanto, va in bicicletta e pedala allegramente sul marciapiede: "Guardi che lei è in bicicletta e quindi deve andare sulla pista ciclabile".

Esclama il tipo "seccato" dalla mia "indebita intromissione" nella sua "libertà personale" di andare in bicicletta sul marciapiede in presenza di una pista ciclabile lì accanto: "Fatti i cazzi tuoi !"

Rispondo io serenamente, guidato come al solito dalla mia innata vocazione pedagogica, cercando di spiegargli che chiedergli di andare con la bicicletta sulla pista ciclabile non è una mia "indebita intromissione" nella sua "libertà personale" di andare in bicletta sul marciapiede in presenza di una pista ciclabile lì accanto,

ma solo e soltanto un modo per garantire la mia e la sua libertà e sicurezza,

e che solo e soltanto per quello si è costruita una pista ciclabile per i ciclisti e un marciapiede per i pedoni,

e si è fatta una legge che impone ai ciclisti di pedalare sulla pista ciclabile ed ai pedoni di camminare sul marciapiede, che come tutte le leggi, è solo e soltanto un espediente pratico per garantire la libertà e la sicurezza di tutti:

"Ma io infatti proprio i cazzi miei mi sto facendo.

Le spiego perchè...

Io in questo momento sono un pedone che cammina sulla zona riservata ai pedoni, cioè il marciapiede, che vuole semplicemente camminare sul marciapiede senza essere investito da una bicicletta,

ho la possibilità di camminare sul marciapiede senza rischiare di essere investito da una bicicletta, visto che ci sono un marciapiede per i pedoni ed una pista ciclabile per i ciclisti,

ed ho anche il diritto, garantito dalla legge, di camminare sul marciapiede senza rischiare di essere investito da una bicicletta, visto e considerato che, oltre ad esserci un marciapiede per i pedoni ed una pista ciclabile per i ciclisti, c'è anche una legge che impone ai ciclisti di percorrere la pista ciclabile e prevede delle multe per i ciclisti che passano sul marciapiede, che è riservato ai pedoni.

Se riflette un pò e ci pensa bene capirà certamente che fare una pista ciclabile per i ciclisti ed un marciapiede per i pedoni, per poi imporre delle multe ai cicilisti che passano sul marciapiede, non è un' azione fascista per reprimere la sua "libertà personale" di andare in bicicletta sul marciapiede in presenza di una pista ciclabile,

ma è semplicemente un espediente pratico per garantire uno spazio ai ciclisti ed uno ai pedoni, senza che i ciclisti debbano preoccuparsi di investire i pedoni e senza che i pedoni debbano essere preoccupati di essere investiti dai ciclisti.

Se poi guarda bene vedrà che accanto al marciapiede per i pedoni ed alla pista ciclabile per i cilclisti c'è anche una strada per i veicoli a motore, che ha la stessa funzione che hanno il marciapiede per i pedoni e la pista ciclabile per i ciclisti:

un mero espediente pratico per garantire uno spazio ai veicoli a motore, senza che chi guida i veicoli a motore debba preoccuparsi di investire i ciclisti che percorrono la pista ciclabile e/o i pedoni che camminano sul marciapiede.

Ne consegue che io, nel momento in cui dico a lei di pedalare con la sua bicicletta sulla pista ciclabile e/o ad un pedone di camminare sul marciapiede e/o ad un conducente di un veicolo a motore di passare sulla strada,

non solo mi faccio i cazzi miei, cioè di uno che in questo momento è un pedone che cammina sul marciapiede che vuole semplicemente camminare sul marciapiede senza essere investito da una bicicletta e/o da un veicolo a motore,

ma anche di un ciclista che va sulla pista ciclabile e vuole evitare di investire un pedone e/o di essere investito da un veicolo a motore,

nonchè di uno che passa sulla strada con il suo veicolo a motore e vuole evitare di investire uno che va in bicicletta e/o uno che cammina sul marciapiede.

2) SGOMBRIAMO IL CAMPO DALLE ILLUSIONE DEI BUONISTI

A questo punto quelli tra di voi che si crogiolano in weltanschauung buoniste sorrette da una profonda ed indistruttibile Fede Nell' Umanità Maiuscolata, che delirano di esemplari della specie Homo Sapiens pervasi di "Ammmore per il Prossimo",

allo scopo di cancellare la consapevolezza, che li angoscia, della realtà degli esemplari della specie Homo Sapiens, i quali, guidati dall' istinto di sopravvivenza, che è un sano e naturale egoismo, si occupano solo e soltanto della loro sopravvivenza individuale e della permanenza del loro corredo genetico sulla Terra, del tutto indifferenti ai propri simili, alla loro vita, alle loro cose ed alla loro prole,

che alla fin fine sono sempre e comunque complici di quelli che vogliono fare mpò come cazzo se pare, complici inconsapevoli per quanto riguarda quei pochissimi che credono in buona fede a quanto sopra, complici consapevoli quei tantissimi in mala fede che fingono di credere a quanto sopra per continuare a fare loro e per continuare a far fare atutti gli altri mpò come cazzo se pare,

penseranno che questa mia spiegazione dettagliata, esaustiva e ragionevole del motivo per cui esistono le leggi e le regole, come mero espediente pratico per garantire la libertà e la sicurezza di tutti, abbia convinto il tipo in bicicletta a scendere dal marciapiedi e ad andare sulla pista ciclabile.



"Fatti i cazzi tuoi !" ha ripetuto il tipo al termine della mia spiegazione, "seccato" dalla mia "indebita intromissione" nella sua "libertà personale" di andare in bicicletta sul marciapiede, pur in presenza di un' apposita pista ciclabile, ed ha continuato ad andare in bicicletta, pedalando allegramente sul marciapiede.

3) LA CONCLUSIONE

La conclusione è che è massicciamente diffusa una weltanschauung che considera leggi e regole come uno "strumento fascista di repressione della libertà individuale" e/o che rappresenta fittiziamente le leggi e le regole come uno "strumento fascista di repressione della libertà individuale",

per avere un alibi che consenta di continuare a fare mpò come cazzo se pare,

e questo atteggiamento rende completamente inutile il "momento educativo", cioè la buona volontà di chi cerca di spiegare l' utilità pratica di leggi e regole come strumento per garantire la libertà e la sicurezza di tutti,

il quale trova, sempre e comunque, a rendere inutile ogni sua spiegazione sulla necessità e sull' utilità pratica delle leggi e delle regole, per quanto chiara, dettagliata ed esaustiva essa sia,

il "muro invalicabile" della suddetta considerazione di leggi e regole come uno "strumento fascista di repressione della libertà individuale" e/o della suddetta rappresentazione fittizia di leggi e regole come uno "strumento fascista di repressione della libertà individuale",

che consentono all' interlocutore di avere un alibi per continuare a fare mpò come cazzo se pare, e, conseguentemente, di continuare di fatto a fare come cazzo se pare.

4) LA SOLUZIONE

Dopo il "momento educativo", che resta ineludibile ed indispensabile, in cui, dopo aver fatto leggi e regole uguali per tutti, che garantiscano la libertà e la sicurezza per tutti,

si spiega in modo dettagliato ed esaustivo, come ho fatto io al ciclista di cui sopra che pedalava sul marciapiede in presenza di una pista ciclabile, che quelle leggi e quelle regole uguali per tutti, che garantiscano la libertà e la sicurezza per tutti, servono a tutti,

si passi senza indugio alla verifica e si valuti se il "momento educativo" ha avuto effetto, cioè se quella spiegazione chiara, dettagliata ed esaustiva della funzione di leggi e di regole uguali per tutti, come strumento per garantire la libertà e la sicurezza di tutti,

ha convinto realmente l' interlocutore che quelle leggi e quelle regole uguali per tutti, che garantiscano la libertà e la sicurezza per tutti, servono a tutti,

verificando attentamente se il suddetto ha iniziato ad avere un comportamento consapevolmente e volontariamente rispettoso delle leggi e delle regole.

Nel caso in cui la verifica sia negativa e l' interlocutore persista invece in un comportamento del tipo "faccio mpò come cazzo me pare",

passare senza indugi e senza remore al momento repressivo, con la ferma e convinta consapevolezza che fare leggi uguali per tutti ed imporle in modo uguale a tutti, anche agli "amici degli amici", non è un' azione fascista, repressiva della libertà, che turba il "sacro valore dell' amicizia", ma il solo modo per costruire una società di liberi ed eguali

ERGO

imporre quotidianamente, severamente e rigorosamente a lui ed a tutti quelli che, come lui, persistono in comportamenti del tipo "faccio mpò come cazzo me pare",

quelle leggi uguali per tutti, in modo uguale su tutti, se necessario anche con la forza, con controlli rigidi e precisi, che portino poi a pene ferme e decise, inflitte in modo severo e rigoroso, verso chi trasgredisce quelle leggi e regole uguali per tutti, applicate in modo uguale su tutti, che garantiscono la libertà e la sicurezza per tutti,

forti della ferma ed assoluta certezza che senza il momento repressivo il momento educativo è del tutto inutile,

perchè, in assenza del momento repressivo in cui chi trasgredise la legge viene quotidianamente, severamente e rigorosamente punito con pene ferme e decise, inflitte in modo severo e rigoroso,

tutti continueranno a sbeffeggiare chi cerca di spiegargli con la buona volontà e con estrema chiarezza, sorretto da una forte vocazione pedagogica, che quelle leggi e quelle regole uguali per tutti, che garantiscano la libertà e la sicurezza di tutti, servono a tutti,

protetti dal "muro invalicabile" della suddetta diffusissima considerazione di leggi e regole come uno "strumento fascista di repressione della libertà individuale" e/o della sudddetta diffusissima rappresentazione fittizia di leggi e regole come uno "strumento fascista di repressione della libertà individuale",

costruito e consolidato nel corso dei secoli,

che gli garantisce un alibi per continuare a fare mpò come cazzo se pare, e, conseguentemente, di continuare di fatto a fare come cazzo se pare.

5) BREVE SINTESI FINALE

'Nzomma....

Per concludere riassumendo in poche parole, con un messaggio breve e comprensibile a tutti, quel che ho scritto qui sopra...

Io posso passa' pure tutta la vita addi' a quelli che vanno con la bicicletta sul marciapiede in presenza di una pista ciclabile che dovono passa' sulla pista ciclabile e a spiegargli i motivi per cui devono farlo.

Finchè nun ce sta un vigile urbano che je fa' una multa quelli manco me se cacano.

La stessa cosa, naturalmente ed ovviamente, vale per qualunque trasgressione a qualsiasi legge e qualunque regola e per qualunque richiamo verbale al rispetto di qualunque legge e qualunque regola, seppur accompagnato dalla spiegazione dei motivi per cui esiste la legge e la regola e per cui bisogna rispettare la legge e la regola, allo scopo di educare al rispetto delle leggi e delle regole.

In assenza di qualcuno che punisca quotidianamente, severamente e rigorosamente chi trasgredisce le leggi e le regole hai voglia a parla' pe' spiega la necessità e l'utilità pratica delle leggi e delle regole, allo scopo di educare al rispetto delle leggi e delle regole: nun te se caca nessuno e ognuno continua a fa' mpò come cazzo se pare...

O NOOO ??

PRECISAZIONE FINALE

Tutto quello che ho scritto qui sopra sulla necessità e sull' utilità pratia di leggi regole uguali per tutti vale soltanto all' interno di una società umana in cui ci sia uguale distribuzione di ricchezza e di potere tra gli esemplari della specie Homo Sapiens che la compongono,

perchè è ovvio e facilmente comprensibile a tutti che in una società umana in cui pochissimi esempllri della specie Homo Sapiens possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere, cioè tutte le società umane finora esistite nella storia,

la legge è sempre e comunque uno strumento usato da quei pochissimi esemplari della specie Homo Sapiens che possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere per controllare, sottomettere, sfruttare ed usare tutti gli altri.









permalink | inviato da _Giamba_ il 7/9/2018 alle 18:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

diario
Terapia intensiva di disintossicazione musicale
MoVimento Cinque Stelle
Coglioni e coglionatori
Specchietti per le allodole
I misteri della poltica
Le donne e l'amore
Buone notizie
Una risata vi seppellirà
I teoremi dello zio Giamba
Ma quanto so' buoni 'sti ebrei !
L'arte che mi piace
Il cinema che mi piace
Signoraggio bancario
Altra informazione
Il lento ma inesorabile degrado dei sinistri
Ogni comunità è sempre e comunque una mafia
I contributi di Giovan Maria Catalan Belmonte
Mi beo degli zotici
Angoscia. illusione, mistificazione, controllo
Il paese della libertà ? Maddechè ?
Friedrich Wilhelm Nietzsche
Max Stirner
Detti e citazioni latine
Comunicando con gli altri bloggers
Zia Democra
I Taliani
Cultura identitaria
AUT AUT O la vita come valore o il denaro come valore
Il cristianesimo è un delirio contro natura
L'unica realtà che esiste è l'individuo
Pier Paolo Pasolini
I coatti mentecatti della società dei consumi
L’ insostenibile leggerezza dell’ essere
Il gioco E’ le sue regole
Il pericoloso delirio della Fede nell’ Umanità;
Uscire fuori dalla logica economica
Chi crede avvelena anche te ! Digli di smettere !
Il virus Rousseau
Nativi americani
Buffoni di corte
Ezra Pound
Mio figlio è un uomo di successo ! Mi dispiace signora...
Arguti cialtroni
La televisiun la t'endormenta come un cujun
La società umana o è patriarcale o non è
Totò
Vaticano S.P.A.
Pantelleria
Ma l'Italia è in grado di dare nutrimento a tutti 'sti immigrati ?
Habere non haberi
Teste di prete
Apologia dello stronzo
Don Matteo Renzie: il pretino democristiano
Luigi Pirandello
Julius Evola
Sub specie aeternitatis
Mass media e manipolazione

VAI A VEDERE

Giamba Facebook
Giamba Twitter
Il fatto quotidiano
Wikileaks
NO TAV
Anticapitalismo
Altra Informazione
Cambiare stile di vita
Manifesto antimodernità
Lettera del capo indiano Seattle al presidente USA


  Genus fictus natura et historia.

Animale terreno consapevole

in sintonia

con il corpo e con la vita,

con la Natura e la Terra.

  Tutti i miei posts 

sono pubblicati

 anche sul mio profilo facebook

www.facebook.com/giamba.pellei  

  Tutti i miei tweets

sul mio profilo twitter

https://twitter.com/GiambaLibero

   Il corpo

è la mia grande ragione.

  Esso non dice IO.

    Esso fa IO.

   C'è più verità nel corpo 

 che in tutte

le religioni e le filosofie

  della Terra.

L'unica realtà che esiste

è l'individuo.

  La cosiddetta "comunità" 

   è un'invenzione

di ricchi e potenti,

  ed è sempre e comunque

una mafia,

  creata

per annichilire gli individui,

 omologarli in un gregge

  e portarli tutti insieme

a tosare

per far lana per il padrone.

 
 

 

CERCA