Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Vivi in sintonia col corpo. Vivi in sintonia con la vita. Vivi in sintonia con la Natura. Vivi in sintonia con la Terra. Noi siamo una parte della Natura e della Terra. Tutta la vita è sacra. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Alzati e ritirati con il sole. Il senso della vita è la vita e non esiste alcuno "senso della vita" al di fuori della vita stessa ERGO chi cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita. AUT AUT O la vita come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società che abbia la vita come valore o una società che abbia il denaro e il profitto come valore. Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Vivi in sintonia col corpo. Vivi in sintonia con la vita. Vivi in sintonia con la Natura. Vivi in sintonia con la Terra. Noi siamo una parte della Natura e della Terra. Tutta la vita è sacra. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Alzati e ritirati con il sole. Il senso della vita è la vita e non esiste alcuno "senso della vita" al di fuori della vita stessa ERGO chi cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita. AUT AUT O la vita come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società che abbia la vita come valore o una società che abbia il denaro e il profitto come valore. Giamba2016 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Giamba2016
"Animale terreno consapevole" e/o "Genus fictus natura et historia" e/o "Io sono una forza del passato solo nella tradizione è il mio amore" sono tre modi diversi di dire la stessa cosa


Sub specie aeternitatis


13 luglio 2017

Dialogo tra un esemplare malato della specie Homo Sapiens, alienato dal suo corpo e dalla sua vita, ed un esemplare sano della specie Homo Sapiens Sapiens, in sintonia con il suo corpo e con la sua vita.


Tutti i miei posts 
sono pubblicati qui
sul mio profilo facebook 
Giamba Libero Pellei
e sull' altro mio blog
www.giambalibero.wordpress.com

Dialogo tra un esemplare malato della specie Homo Sapiens , alienato da se stesso, dal suo corpo e dala sua vita, dalla Natura e dalla Terra, ed un esemplare sano della specie Homo Sapiens Sapiens, in sintonia con se stesso, con il suo corpo e con la sua vita. con la Natura e con la Terra.

Alfredo Ricciotti scrisse o scrivette:

"Il cibo che non condivido, non ha alcun sapore. Mi spiego così perchè - quando sono da solo - non riesco a mangiare"

Giamba Libero Pellei rispose o rispondette:

"Eh Riccio' questo è un altro sintomo del tuo essere malato, alienato da te stesso, dal tuo corpo e dalla tua vita, dalla Natura e dalla terra. 'Nzomma del tuo essere contro natura....


RICCIO' ARIPIJATEEE !!! "



A questo punto il Ricciotti tenta un disperato recupero sparando la solita frase der cazzo e scrisse o scrivette:

"Su; si consoli. Tra una ventina di anni non ci penserà più..".

Giamba Libero Pellei colse la palla al balzo per evidenziare di nuovo al Ricciotti la sua condizione di alienazione e provare a fallo aripija, nel caso in cui il Riccioti non fosse ineluttabilmente ed irrevocabilmente morto, e rispose o rispondette:

"E allora ?

Riccio' quello che tu non capisci quando dici 'sta frase, reso ottuso dal tuo essere alienato da te stesso, dal tuo corpo e dalla tua vita, dalla Natura e dalla Terra, contro natura e malato, è che a me, che sono invece un animale sano, in sintonia con il suo corpo e con la sua vita, con la Natura e con la Terra,i il fatto di non dover pensare più tra vent' anni o trenta o quaranta alla mia vita perchè morirò, come è sano e naturale che sia, nun è che me porta a pensarci con meno intensità a me stesso, al mio corpo e alla mia vita ergo al mio piacere, alla mia gioia ed a tutto quello che serve a migliorare la mia vita, e ad aumentare il piacere e la gioia del mio corpo..

Au contraire me porta a pensarci de più e con maggiore intensità..

Ecco se rifleti su questa differenza tra me e te forse capisci perchè sei malato, alienato da te stesso, dal tuo corpo e dalla tua vita, dalla Natura e dalla Terra, contro natura e contro la vita.

E forse da questa consapevolezza potresti iniziare un percorso che ti riporti in sintonia con te stesso, con il tuo corpo e con la tua vita, con la Natura e con la Terra.

A meno che, come purtroppo penso, la tua condizione di alienazione da te stesso, dal tuo corpo e dalla tua vita, dalla Natura e dalla Terra, non sia ineluttabile ed irrevocabile..

P..S. Il cosiddetto "amore per il prossimo", un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, serve per cancellare la consapevolezza della assoluta estraneità dell' altro, vissuta dagli esemplari più deboli della specie come "pericolosità dell' altro".

P.P.S. Bisogna prenderli per il culo ogni volta che aprono la loro bocca collegata al loro cervello stravolto dal delirio contro natura e conjtro la vita cniamato "amore per il prossimo" e sparano 'ste minchiate.

Per impedirgli di contagiare gli altri con la loro malattia, con la loro alienazione mentale, con il loro contro natura.

Per impedirgli di nuocere..









permalink | inviato da _Giamba_ il 13/7/2017 alle 8:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio   <<  1 | 2 | 3 | 4  >>  
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

diario
Terapia intensiva di disintossicazione musicale
MoVimento Cinque Stelle
Coglioni e coglionatori
Specchietti per le allodole
I misteri della poltica
Le donne e l'amore
Buone notizie
Una risata vi seppellirà
I teoremi dello zio Giamba
Ma quanto so' buoni 'sti ebrei !
L'arte che mi piace
Il cinema che mi piace
Signoraggio bancario
Altra informazione
Il lento ma inesorabile degrado dei sinistri
Ogni comunità è sempre e comunque una mafia
I contributi di Giovan Maria Catalan Belmonte
Mi beo degli zotici
Angoscia. illusione, mistificazione, controllo
Il paese della libertà ? Maddechè ?
Friedrich Wilhelm Nietzsche
Max Stirner
Detti e citazioni latine
Comunicando con gli altri bloggers
Zia Democra
I Taliani
Cultura identitaria
AUT AUT O la vita come valore o il denaro come valore
Il cristianesimo è un delirio contro natura
L'unica realtà che esiste è l'individuo
Pier Paolo Pasolini
I coatti mentecatti della società dei consumi
L’ insostenibile leggerezza dell’ essere
Il gioco E’ le sue regole
Il pericoloso delirio della Fede nell’ Umanità;
Uscire fuori dalla logica economica
Chi crede avvelena anche te ! Digli di smettere !
Il virus Rousseau
Nativi americani
Buffoni di corte
Ezra Pound
Mio figlio è un uomo di successo ! Mi dispiace signora...
Arguti cialtroni
La televisiun la t'endormenta come un cujun
La società umana o è patriarcale o non è
Totò
Vaticano S.P.A.
Pantelleria
Ma l'Italia è in grado di dare nutrimento a tutti 'sti immigrati ?
Habere non haberi
Teste di prete
Apologia dello stronzo
Don Matteo Renzie: il pretino democristiano
Luigi Pirandello
Julius Evola
Sub specie aeternitatis
Mass media e manipolazione
Change.org

VAI A VEDERE

Giamba Facebook
Giamba Twitter
Altra Informazione
Anticapitalismo
Cambiare stile di vita
Il fatto quotidiano
Change
NO TAV
Wikileaks
Manifesto antimodernità
Lettera del capo indiano Seattle al presidente USA
La società dei consumi sta distruggendo il pianeta Terra
Liberarsi dal consumismo


 

 

Il corpo è la mia grande ragione.

Esso non dice IO.

Esso fa IO.

C'è più verità nel corpo

che in tutte le religioni e le filosofie

della Terra.

L'unica realtà che esiste è l'individuo.

La cosiddetta "comunità" 

è un'invenzione di ricchi e potenti,

ed è sempre e comunque una mafia,

creata per annichilire gli individui,

omologarli in un gregge

e portarli tutti insieme a tosare

per far lana per il padrone.

 

CERCA