Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Siamo una parte della Natura e della Terra. Vivi in sintonia com il tuo corpo e con la tua vita, con la Natura e con la Terra. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto: tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens tratta con rispetto solo quelli che ti trattano con rispetto. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Alzati e ritirati con il sole. Il senso della vita è la vita e non esiste alcuno "senso della vita" al di fuori della vita stessa ERGO chi cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita, con la Natura e con la Terra. AUT AUT O la vita come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società che abbia la vita come valore o una società che abbia il denaro e il profitto come valore. Il corpo è la mia grande ragione. Esso non dice IO. Esso fa IO. C'è più verità nel corpo che in tutte le religioni e le filosofie della Terra. Siamo una parte della Natura e della Terra. Vivi in sintonia com il tuo corpo e con la tua vita, con la Natura e con la Terra. Tratta tutti gli esseri viventi con rispetto: tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens tratta con rispetto solo quelli che ti trattano con rispetto. Prendi dalla Natura e dalla Terra solo ciò che ti è necessario. Segui sempre i ritmi della Natura. Alzati e ritirati con il sole. Il senso della vita è la vita e non esiste alcuno "senso della vita" al di fuori della vita stessa ERGO chi cerca "il senso della vita" al di fuori del suo corpo e della sua vita è un animale malato che ha perso ogni rapporto con il suo corpo e con la sua vita, con la Natura e con la Terra. AUT AUT O la vita come valore. O il denaro e il profitto come valore. AUT AUT O una società che abbia la vita come valore o una società che abbia il denaro e il profitto come valore. Giamba2016 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Giamba2016
"Animale terreno consapevole" e/o "Genus fictus natura et historia" e/o "Io sono una forza del passato solo nella tradizione è il mio amore" sono tre modi diversi di dire la stessa cosa


Diario


31 gennaio 2018

Dice il Principe Eugenio I Scalfaro De La Repubblica: "Il M5S è pericoloso !" Dico io: "E certo ! E' pericoloso per il Partito Deitraffichini, per la tessera numero uno del Partito Deitraffichini che prima intrallazza e poi te paga ergo pure per te !"


Aggiungo infine: 


"Ah Euge' te capisco !


Se il Movimento Cinque Stelle va al governo succede un casino ! 


La tessera numero uno del Partito Deitraffichini 

Dott.Ing.Gran.Fig.Di.Put.Gran.Lup.Mann.Grande Intrallazzatore Carlo Il Benedetto non becca più le soffiate dal presidente del consiglio sulle leggi che sta  a fa' 

ergo

non può più fare quei geniali investimenti " a colpo sicuro" da imprendtore capace e competente quale è e fu

ergo

c'ha meno soldi da girare a te pe' fatte fa la vita da nababbo che fai da decenni co' la scusa che hai fatto un giornale de sinistra che combatte per il popolo, i poveri e i derelitti.


O NOOO ??


Figli e Uoli in Verità vi dico ! 

La situazione politica è chiara 
e siete tutti consapevoli della realtà. 

AUT AUT ! 

O votate Movimento Cinque Stelle
o votate per associazioni a delinquere di stampo mafioso 
consapevoli di votare 
per associazioni a delinquere di stampo mafioso

Figli e Uoli in Verità in Verità io ve lo dico poi fate mpò come ve pare ! 

Il "pacato Mattarella" vuole rifa' un "pacato governo Gentiloni" 
sostenuto dal partito del Berluscone e da quello del Benedetto. 

Come certamente saprete, e se non lo sapete ve lo dico io, 

il Dott.Cav.Gran.Fig.Di.Put.Gran.Lup.Mann.Grande Evasore Fiscale e Pregiudicato Silvio Il Berluscone, fondatore di Forza Italia, ormai nota a tutti come Forza Mafia, 

e il Dott.Ing.Gran.Fig.Di.Put.Gran.Lup.Mann.Grande Intrallazzatore Carlo Il Benedetto, tessera numero uno del Partito Democratico, ormai noto a tutti come Partito Deitraffichini, 

sono due individui che fanno certamente e sicuramente parte, e senza dubbio alcuno, di quell' 1% di italiani che possiede tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese del Belpaese,

i quali da sempre fanno mpò come cazzo se pare e da sempre  fanno quel che vogliono della vita del restante 99% di italiani che non possiede una beneamata minchia, tra cui ce state pure voi.

Cosa pensate che potrebbero fare, una volta eletti per governare, i politici di due partiti che hanno come riferimento due individui che appartengono a quell' 1% di italiani che possiedono tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese del Belpaese ?

Tutto fa pensare che i politici quei due partiti, servi, camerieri, puttane e burattini di quell' 1% di italiani che possiedono tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese del Belpaese, dopo che saranno stati eletti per governare, 

probabilmente e presumibilmente, come le loro passate esperienze di governo permettono scientificamente di verificare, continueranno a governare per rappresentare e tutelare gli interessi di quell' 1% di italiani che possiedono tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese del Belpaese,

per rendere sempre più ricchi quei pochissimi italiani che appartengono a quell' 1% che possiedono tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese,

e sempre più poveri i tantissimi italiani che appartengono al restante 99%, quelli che non possiedono una beneamata minchia, tra cui ce state pure voi,

in guisa tale da permettere a quell' 1% di italiani che possiedono tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese, di continuare a fare sempre di più e sempre meglio mpò come cazzo si pare,

e, nel contempo, 

in guisa tale da permettere a quell' 1% di italiani che possiedono tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese di continuare a fare sempre  di più e sempre meglio quello che vogliono della vita del restante 99% di italiani che non possiedono una beneamata minchia, tra cui, come detto, ce state pure voi.

La conditio sine qua non
per creare una società umana secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura,
è distribuire egualmente la ricchezza
tra i componenti della società;
solo in una società siffatta
ha senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

Au contraire
una società umana
in cui l' 1% possiede tutta la ricchezza
è una società contro natura,
perchè impedisce aprioristicamente
la creazione di una società secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura:
in una società siffatta
non ha alcun senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.


Figli e Uoli in Verità in Verità 
che volete che vi dica ?

Se è vero, come è vero, che l'1% degli italiani possiede tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese del Belpaese 

e che tra quell' 1% ce stanno il Dott.Cav.Gran.Fig.Di.Put.Gran.Lup.Mann.Grande Evasore Fiscale e Pregiudicato Silvio Il Berluscone, fondatore di Forza Italia, ormai nota a tutti come Forza Mafia, 

e il Dott.Ing.Gran.Fig.Di. Put.Gran.Lup.Mann.Grande Intrallazzatore Carlo Il Benedetto, tessera numero uno del Partito Democratico, ormai noto a tutti come Partito Deitraffichini,

quel che accadrà se voi, che siete il 99% che non possiede una minchia,  

votate per il partito del Dott.Cav.Gran.Fig.Di. Put.Gran.Lup.Mann.Grande Evasore Fiscale e Pregiudicato Silvio Il Berluscone, o per il partito del Dott.Ing.Gran.Fig.Di.Put.Gran.Lup.Mann. 
Grande Intrallazzatore Carlo Il Benedetto

è che il Dott.Cav.Gran.Fig.Di. Put.Gran.Lup.Mann.Grande Evasore Fiscale e Pregiudicato Silvio Il Berluscone, il Dott.Ing.Gran.Fig.Di. Put.Gran.Lup.Mann.Grande Intrallazzatore Carlo Il Benedetto e quei pochissimi individui che, come loro, fanno parte di quell' 1% di italiani che possiede tutta la ricchezza, tutte le banche e tutte le imprese, 

in primis diventeranno sempre più ricchi e potranno fare sempre di più e sempre meglio
mpò come cazzo si pare 

e in secundis potranno fare sempre  di più e sempre meglio quello che vogliono della vita del restante 99% di italiani,  quelli che non possiedono una beneamata minchia, tra cui, come detto, ce state pure voi.

La conditio sine qua non
per creare una società umana secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura,
è distribuire egualmente la ricchezza
tra i componenti della società;
solo in una società siffatta
ha senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

Au contraire
una società umana
in cui l' 1% possiede tutta la ricchezza
è una società contro natura,
perchè impedisce aprioristicamente
la creazione di una società secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura:
in una società siffatta
non ha alcun senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.



SUSSIDIO PEDAGOGICO NUMERO UNO

Figli e Uoli in Verità in Verità vi dico ! 

Come certamente saprete, e se non lo sapete ve lo dico io, 

l' uguaglianza tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens è una condizione naturale, esistente già nello stato di natura, in cui nessun esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens è così forte da non poter essere ucciso da un altro

ergo 

una società umana secondo natura è solo e soltanto quella che mantiene intatta, al suo interno, quella condizione naturale di eguaglianza tra gli uomini esistente nella stato di natura,

e per mantenere intatta, all' interno di una società umana, quella condizione naturale di eguaglianza tra gli uomini esistente nella stato di natura. bisogna assolutamente e necessariamente

in primis distribuire egualmente la ricchezza tra tutti i componenti di quella società,

e in secundis fondare quella società, in cui la ricchezza è distribuita egualmente tra tutti i suoi componenti, su leggi e regole uguali per ogni componente di quella società, che impongano ad ogni  componente di quella società il rispetto della vita, della prole e delle cose di ogni altro componente di quella società, leggi e regole che siano  applicate quotidianamente, severamente e rigorosamente su ogni suo componente,

e si può ben dire che solo una società siffatta, secondo natura, che mantiene intatta al suo interno la condizione naturale di eguaglianza tra gli uomini esistente nella stato di natura,

sia una società in cui si può parlare di democrazia, libertà, giustizia ed eguaglianza;

au contraire

una società umana in cui l' 1% dei componenti possiede tutta la ricchezza è certamente e sicuramente, senza alcun dubbio, una società in cui l' 1% che possiede tutta la ricchezza farà mpò come cazzo se pare e farà quello che vuole della vita del restante 99%, che non possiede una beneamata minchia, 

ergo

è certamente e sicuramente, senza alcun dubbio, una società contro natura,  

perchè rende impossibile necessariamente ed aprioristicamente quella condizione naturale di eguaglianza tra gli uomini esistente nella stato di natura,

e si può ben dire che una società siffatta, contro natura, che rende impossibile necessariamente ed aprioristicamente quella condizione naturale di eguaglianza tra gli uomini esistente nella stato di natura,

sia una società in cui non ha alcun senso parlare di democrazia, libertà, giustizia ed eguaglianza.

La conditio sine qua non
per creare una società umana secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura,
è distribuire egualmente la ricchezza
tra i componenti della società;
solo in una società siffatta
ha senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

Au contraire
una società umana
in cui l' 1% possiede tutta la ricchezza
è una società contro natura,
perchè impedisce aprioristicamente
la creazione di una società secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura:
in una società siffatta
non ha alcun senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

Figli e Uoli in Verità In Verità ve lo devo dire !

A 'sto punto ci sarà sicuramente qualcuno che esclama , provando a fare terrorismo psicologico a scopo persuasivo: "L'uguaglianza tra gli uomini è un' utopia folle e ricercarla porta solo violenza". 

Dico sereno: "MADDECHE' ? 

In primis l' uguaglianza tra gli uomini è una condizione naturale, che esiste già nello stato di natura, in cui nessun uomo è così forte da non potere essere ucciso da un altro, 

ergo 

una società umana  che mantiene l' uguaglianza naturale tra gli uomini esistente nello stato di natura, in cui tutti gli uomini sono uguali,

lungi dal' essere un' utopia, è una società naturale, anzi la sola società umana naturale, cioè secondo natura, ed è la sola società umana in cui ha senso entrare per un  esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, proprio perchè essa mantiene le condizioni naturali di uguaglianza tra lui e tutti gli altri uomini che egli vive nello stato di natura,

in secundis è certamente vero che ricercare l'eguaglianza in una società umana produce necessariamente ed inevitabilmente violenza,

ma ciò accade solo e soltanto perchè  tutte le società umane finora esistite non sono state delle società secondo natura che hanno mantenuto l' uguaglianza naturale tra gli uomini esistente nello stato di natura, in cui tutti gli uomini sono uguali perchè nessun uomo è così forte da non potere essere ucciso da un altro, 

ma sono state delle società contro natura che non hanno mantenuto quella condizione naturale di uguaglianza tra gli uomini esistente nello stato di natura

ergo

accade che quelli che vogliono creare una società umana secondo natura, che mantenga la condizione naturale di eguaglianza tra gli uomini esistente nello stato di natura, in cui nessun uomo è così forte da non potere essere ucciso da un altro,

si trovano davanti sempre e comunque quelli che hanno creato una società umana contro natura in cui l' 1% possiede possiede ingiustamente tutta la ricchezza e tutto il potere, che non vogliono mollare ricchezza e potere, vantaggi e privilegi, ed usano ogni menzogna, ogni imbroglio, ogni violenza ed ogni crimine, anche il più efferato,  per mantenere tutta la ricchezza e tutto il potere;

a quel punto chi vuole creare una società umana secondo natura, che mantenga le condizioni naturali di eguaglianza tra gli uomini esistenti nello stato di natura, spazzando via una società contro natura in cui quelle condizioni di uguaglianza tra gli uomini non esistono, ha necessariamente ed inevitabilmente un solo modo per farlo: 

usare la violenza per spazzare via una società contro natura in cui quelle condizioni di uguaglianza tra gli uomini non esistono,

per poi creare una società secondo natura fondata sulle condizioni naturali di eguaglianza tra gli uomini esistenti nello stato di natura.

La conditio sine qua non
per creare una società umana secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura,
è distribuire egualmente la ricchezza
tra i componenti della società;
solo in una società siffatta
ha senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

Au contraire
una società umana
in cui l' 1% possiede tutta la ricchezza
è una società contro natura,
perchè impedisce aprioristicamente
la creazione di una società secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura:
in una società siffatta
non ha alcun senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

SUSSIDIO PEDAGOGICO NUMERO DUE


Tutte le illusioni, tutte le menzogne e tutti gli imbrogli vengono infilati nei cervelli usando lo stesso meccanismo psicologico che si usa per infilare nei cervelli le illusioni, le menzogne e gli imbrogli della religione: vita eterna, dio e amore per il prossimo

Per evitare di essere raggirati da illusioni, menzogne ed imbrogli

basta dunque studiare il meccanismo psicologico che consente di infilare nei cervellli le illusioni, le menzogne e gli imbrogli della religione: vita eterna, dio e amore per il prossimo,

e in tal guisa si potrà evitare che vengano infilati nei cervelli tutte le illusioni, tutte le menzogne e tutti gli imbrogli.

La conditio sine qua non che permette ad ogni illusione, ad ogni menzogna e ad ogni imbroglio di infilarsi nei cervelli è la paura, l'angoscia che la consapevolezza della realtà genera in molti cervelli.

Nella fattispecie delle illusioni, delle menzogne e degli imbrogli della religione le consapevolezze della realtà che angosciano molti esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens sono tre:

1) la consapevolezza della realtà naturale della vita e della morte, che nasce dalla semplice deduzione logica: "Se lui è morto io che sono come lui morirò anche io", che ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens è in grado di fare di fronte ad un proprio simile morto

2) la consapevolezza della naturale precarietà dell' esistenza, che nasce dalla consapevolezza dell' impossibilità naturale di controllare la propria nascita, la propria vita e la propria morte, e tout court la propria esistenza

3) la consapevolezza della totale estraneità degli altri, che nasce dala consapevolezza della realtà naturale di se stessi e di ogni altro esemplare dela specie Homo Sapiens Sapiens, che, come ogni essere vivente, guidato dal suo sano e naturale istinto di sopravvivenza , che è un sano e naturale egoismo, si occupa solo di se stesso e della sua sopravvivenza, in primis di quella individuale e in secundis di quella del suo corredo genetico sulla Terra, che si garantisce accoppiandosi con un esemplare dell' altro sesso della stessa specie, per poi occuparsi dei cuccioli generati allo scopo di aumentare le loro probabilita di sopravvivenza.

Il punto di partenza sono dunque queste tre consapevolezze:

la consapevolezza della realtà naturale della vita e della morte, la consapevolezza della naturale precarietà dell' esistenza, la consapevolezza della totale estraneità degli altri,

che generano in molti esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens l' angoscia, e, conseguentemente,

la necessità di illusioni, menzogne ed imbrogli che cancellino quelle consapevolezze della realtà,

e l' angoscia che da quelle consapevolezza nasce.

Nella fattispecie delle tre suddette consapevolezze della realtà che angosciano,

e cioè la consapevolezza della realtà naturale della vita e della morte, la consapevolezza della naturale precarietà dell' esistenza, la consapevolezza della totale estraneità degli altri,

le tre menzogne, le tre illusioni ed i tre imbrogli che vengono inventati e poi infilati nei cervelli per cancellarle dai cervelli di chi da quelle consapevolezze è angosciato sono vita eterna, dio e amore per il prossimo.

Per cancellare la consapevolezza della realtà naturale della vita e della morte si inventa una presunta ed ipotetica vita eterna dopo la morte, che gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens, e solo e soltanto loro, avrebbero in quanto dotati di un' altrettanto presunta ed ipotetica "anima eterna", una cosa che non si vede ma che esisterebbe in qualche parte non meglio precisata, dentro al corpo, che invece si vede.

Per cancellare la consapevolezza della naturale precarietà dell' esistenza, che nasce dalla consapevolezza dell' impossibilità naturale di controllare la propria esistenza si inventa un presunto ed ipotetico essere soprannaturale onnipotente, onnisciente ed onnitutto, una specie di superman e/o batman, il quale, opportunamente ed adeguatamente sollecitato con rituali e preghiere, aiuterebbe e provvederebbe a risolvere i problemi di coloro che lo sollecitano con i suddetti rituali e le suddette preghiere, risolvendo a loro vantaggio ogni sorta di problema con la sua presunta ed ipotetica onnipotenza, onniscienza ed onnitutto.

Per cancellare la consapevolezza della totale estraneità degli altri si inventa il cosiddetto "amore per il prossimo", un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, creato e forgiato avendo come riferimento l'interesse naturale, quello si realmente esistente, degli esemplari adulti dela specie per i cuccioli generati, un interesse naturale che peraltro non ha nulla di altruistico ma è di natura meramente egoistica, perchè, come ho detto sopra, è semplicemente finalizzato ad aumentare le probabilità di sopravvivenza dei cuccioli generati che nel loro periodo di dipendenza hanno bisogno di esemplari adulti che si occupino di loro, in guisa tale che aumentando le probabilità di sopravvivenza dei cuccioli generati aumentino anche le probabilità di far permanere il proprio coredo genetico sulla Terra.

Il meccanismo psicologico che viene usato per infilare nei cervelli le illusioni, le menzogne e gli imbrogli della religione: vita eterna, dio e amore per il prossimo, è dunque semplicissimo:

si parte da una consapevolezza della realtà che angoscia molti esemplari dela specie Homo Sapiens Sapiens,

si prende atto che questa consapevolezza della realtà angoscia molti esemplari dela specie Homo Sapiens Sapiens,

e prima si inventano e poi si infilano nei loro cervelli delle illusioni, delle menzogne e degli imbrogli che cancellino dai cervelli di quegli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens quelle consapevolezze della realtà

per cancellare anche l'angoscia che da quelle consepovolezze della realtà nasce.

Lo stesso meccanismo psicologico, come ho scritto nel titolo, viene usato per infilare nei cervelli tutte le illusioni, le menzogne e gli imbrogli .

A questo punto dopo aver spiegato come funziona il meccanismo psicologico che consete di infilare nei cervelli illusioni, menzogne ed imbrogli arrivo, come sempre faccio alla conclusione dei miei post, al CHE FARE.

Come fare per evitare di essere raggirati da illusioni, menzogne ed imbrogli ?

Inizio a trattare l' argomento dicendo innanzitutto che il problema naturalmente ed ovviamente non riguarda in alcun modo gli esempalri della specie Homo Sapiens Sapiens capaci di vivere serenamente con la consapevolezza della realtà senza esserne angosciati,

semplicemente perchè quegli esemplari della specie non hanno alcun bisogno di illusioni, menzogne ed imbrogli che cancellino la consapevolezza della realtà,

visto e considerato che quella consapevolezza della realtà non li angoscia in alcun modo,

e pertanto illusioni, menzogne ed imbrogli non hanno alcuna possibilità di attecchire nei loro cervelli e di infilarsi nei loro cervelli.

A rischiare di vedersi infilati nel cervello illusioni, menzogne ed imbrogli sono pertanto solo e soltanto gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens che sono angosciati dalla consapeovolezza della realtà

e pertanto il problema: "Come fare per evitare di essere raggirati da illusioni, menzogne ed imbrogli ?"

riguarda solo loro.

Per questi esemplari della specie Homo Sapiens Spiens ci sono due momenti e due modi diversi di afforntare e risolvere il problema.

In un primo momento, in presenza dell' angoscia, allorchè la consapevolezza della realtà ancora crea angoscia, si tratta di avere la consapevolezza della tecnica usata dagli arguti cialtroni che vogliono infilare nei cervelli illusioni, menzogne ed imbrogli, che è quella che ho descritto dettagliatamente ed esaustivamente in questo post,

e del meccanismo psicologico consapevolezza della realtà - angoscia - bisogno di illusioni, manzogne e imbrogli che cancellino la consapevolezza della realtà e l'angoscia, anch' esso descritto dettagliatamente ed esaustivamente in questo post,

in guisa tale che attraverso la conoscenza della tecnica e del meccansimo psicologico si possa portare alla consapevolezza e bloccare il meccanismo psicologico, altrimenti inconsapevole, che viene usato da quegli arguti cialtroni,

i quali proprio perchè consapevoli dell' angoscia dei loro simili sanno già che le loro illusioni, le loro menzogne ed i loro imbrogli attecchiranno facilmente e si infileranno facilmente in quei cervelli angosciati dala consapevolezza della realtà e dunque bisognosi di quelle illusioni, di quelle menzogne e di quegli imbrogli che essi argutamente propongono loro per cancellare quelle consapevolezze e l' angoscia che ne nasce:

in tal guisa si eviterà così che quelle illusioni, quelle menzogne e quegli imbrogli attecchiscano nei propri cervelli e si infilino nei propri cervelli usando la tecnica che sfrutta il meccanismo psicologico, di cui si è inconsapevoli,

consapevolezza della realtà - angoscia - bisogno di illusioni, manzogne e imbrogli che cancellino la consapevolezza della realtà e l'angoscia

perchè quel meccanismo psicologico e quella tecnica a quel punto sono conosciute e non è più inconsapevoli,

quindi non scattano a propria insaputa,

Ma questa ovviamente è una soluzione precaria e contingente, perchè questa consapevolezza razionale della tecnica usata per far attecchire nei cervelli ed infilare nei cervelli illusioni, menzogne e e imbrogli, e del meccanismo psicologico su cui quella tecnica si fonda e che gli permette di funzionare

dovrebbe essere riproposta ad ogni tentativo di proporre ed imporre illusioni, menzogne ed imbrogli ad un cervello angosciato dalla consapevolezza della realtà.

e, come si sa, le consapevolezze razionali, per quanto consapevolmente e lucidamente acquisite, vengono quasi sempre sopraffatte dalle paure e dalle angosce, che agiscono ad un livello più profondo di quello della razionalità e della consapevolezza.

La soluzione definitiva, naturalmente ed ovviamente, è quella di raggiungere una serenità definitiva che consenta di vivere serenamente con la consapevolezza della realtà,

in particolare con la consapevolezza della realtà naturale della vita e della morte, della naturale precarietà dell' esistenza e della totale estraneità degli altri,

in generale con ogni consapevolezza della realtà della vita quotidiana, degli altri e della realtà naturale della condizione esistenziale degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens e di ogni altro essere vivente.


SUSSIDIO PEDAGOGICO AUDIOVISIVO
A COMPLETAMENTO DEL SUSSIDIO PEDAGOGICO NUMERO DUE

Uno straordinario Vittorio Gassman nella parte di un cardinale vi mostra nell' episodio "Tantum ergo" del film "I nuovi mostri" tutto quello che ho scritto qui sopra e che spiego in modo dettagliato ed esaustivo nei sussidi pedagogici qui sotto

Tantum ergo - I nuovi mostri

https://www.youtube.com/watch?v=TI-IJ5UiypU&t=109s

La conditio sine qua non
per creare una società umana secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura,
è distribuire egualmente la ricchezza
tra i componenti della società;
solo in una società siffatta
ha senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

Au contraire
una società umana
in cui l' 1% possiede tutta la ricchezza
è una società contro natura,
perchè impedisce aprioristicamente
la creazione di una società secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura:
in una società siffatta
non ha alcun senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.



SUSSIDIO PEDAGOGICO NUMERO TRE


"Giambino e la Befana" ovverossia "Favole, miti, leggende, illusioni, religioni, menzogne ed altre cialtronate ed imbrogli servono solo soltanto a tenere gli individui lontani dalla consapevolezza della realtà per controllarli ed usarli meglio"

Era la mattina dell' Epifania del 1963 ed avevo quattro anni e mezzo.

Ero a letto a dormire perchè le vacanze di Natale allora come oggi arrivavano fino al 6 gennaio compreso, quando arrivò mia madre, ostentando sorpresa, ammore e dolcezza ed esclamò: "Vieni vieni di là c'è la Befana".

Mi prese per mano e mi portò in soggiorno dove c'era "la Befana".

Io diedi una rapida e sommaria occhiata a 'sta Befana e poi dissi tranquillamente: "Ma quale Befana ? Quella è Isabella (N.D.R mia cugina) travestita da Befana".

A 'sto punto mia madre stizzita mi disse: "Ma quale Isabella ? Quella è la Befana" e se ne andò via.

Un' oretta più tardi arrivò mia cugina Isabella, anche lei ostentando sorpresa, ammore e dolcezza ed anche lei esclamò: "Vieni vieni di là c'è la Befana".

Pure lei mi prese per mano, mi portò in soggiorno dove c'era "la Befana" e poi disse "Hai visto che non ero io ?"

Io diedi una rapida e sommaria occhiata a 'st' altra Befana e poi dissi tranquillamente: "E certo che non sei tu ! E' zia Maria !"

Du' ore dopo arrivò pure zia Maria, anche lei ostentando sorpresa, ammore e dolcezza ed esclamò: "Vieni vieni di là c'è la Befana".

Pure lei mi prese per mano, mi portò in soggiorno dove c'era "la Befana" e poi mi disse "Hai visto che non ero io ?"

Io che a 'sto punto avevo naturalmente ed ovviamente capito tutto diedi una rapida e sommaria occhiata a 'st' altra Befana e poi dissi tranquillamente: "E certo che non sei tu ! E' zia Piera !"

La cosa finì lì ed io, non avendo ancora a disposizione una maturità intellettuale ed una cultura che mi permettessero di capire perchè 'sta gente facesse tutte 'ste scene, con una tale ostinazione, per attribuire i loro regali a 'sta fantomatica Befana, quando potevano benissimo dirmi che me li avevano comprati loro e per me andava bene lo stesso, pensai semplicemente: "Ammazza quanto so' strani questi !"

Ma qualche anno dopo, mica tanti eh, avrà avuto sette o otto anni, ripensai a 'sta cosa per cercare di capire perchè 'sta gente ci tenesse così tanto a famme crede che esistesse 'sta Befana, e la risposta sgorgò naturalmente dal mio cervello, che già allora funzionava mica male:

"Se uno crede a favole, miti, leggende, illusioni, religioni, menzogne ed altre cialtronate ed imbrogli, si accontenta di quella spiegazione fantastica e manco prova a capire i motivi reali per cui accadono le cose reali, quindi non avrà mai consapevolezza della realtà

ergo

quei pochissimi che quella consapevolezza della realtà ce l' hanno, che naturalmente ed ovviamente sono gli stessi che cercano di tenerlo lontano dalla consapevolezza della realtà per impedirgli di capire i motivi reali per cui accadono le cose reali,

potranno impedire a tutti gli altri di avere consapevolezza della realtà e di poter agire intelligentemente nella realtà, con consapevolezza della realtà,

ergo

saranno quei pochissimi saranno i soli ad avere consapevolezza della realtà, a capire e conoscere i motivi reali per cui accadono le cose reali,

e saranno i soli a poter agire intelligentemente nella realtà, per raggiungere i loro scopi e realizzare i loro interessi, in modo facile ed agevole,

perchè non avranno la naturale contrapposizione di tutti gli altri,

i quali non avendo consapevolezza della realtà, sono incapaci di capire e conoscere i motivi reali per cui accadono le cose reali,

e non sono in grado di agire intelligentemente nella realtà, per raggiungere i propri scopi e realizzare i loro interessi.

A 'sto punto restano da spiegare i motivi per cui molti esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens credono alla Befana e a tutto il resto,

'nzomma perchè molti esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens si fanno rincoglionire il cervello con le favole, i miti, le leggende, le illusioni, le religioni, le menzogne ed altre cialtronate ed imbrogli

invece di cercare di avere consapevolezza della realtà, cercando di capire e conoscere i motivi reali per cui accadono le cose reali,

per poi agire intelligentemente nella realtà, per raggiungere i propri scopi e realizzare i loro interessi.

Ma questo l'ho già spiegato in modo dettagliato ed esaustivo nel post dal titolo wertmulleriano:

"Tutte le illusioni, tutte le menzogne e tutti gli imbrogli vengono infilati nei cervelli usando lo stesso meccanismo psicologico che si usa per infilare nei cervelli le illusioni, le menzogne e gli imbrogli della religione: vita eterna, dio e amore per il prossimo"

che ho copiato e incollato qui sopra come sussidio pedagogico numero uno


La conditio sine qua non
per creare una società umana secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura,
è distribuire egualmente la ricchezza
tra i componenti della società;
solo in una società siffatta
ha senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

Au contraire
una società umana
in cui l' 1% possiede tutta la ricchezza
è una società contro natura,
perchè impedisce aprioristicamente
la creazione di una società secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura:
in una società siffatta
non ha alcun senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.


SUSSIDIO PEDAGOGICO NUMERO QUATTRO


Quelli che inventano, predicano e simulano "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", inesistenti in Natura, e poi dicono di volersi occupare degli altri, senza manco chiedere agli altri cosa vogliono, hanno un solo scopo: controllare ed usare gli altri.


Figli e Uoli in Verità in Verità vi dico !

In Natura non esiste 

una cosa chiamata "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" 

e gli esemplari più pericolosi della specie Homo Sapiens Sapiens

sono quelli che prima la inventano,

e poi la predicano e la simulano.

Figli e Uoli in Verità in Verità vi dico !

L' unica realtà che esiste è l' individuo,

ed ogni individuo,

guidato dal suo istinto di sopravvivenza,

che è un sano e naturale egoismo,

si occupa

in primis di se stesso,

per sopravvivere come individuo,

e in secundis

della permanenza del suo corredo genetico sulla Terra,

prima accoppiandosi 

con un esemplare dell' altro sesso della stessa specie,

per riprodursi,

e poi occupandosi dei cuccioli generati

per aumentare le loro probabilità di sopravivenza,

e, con esse,

le probabilità di far permanere sulla Terra il suo corredo genetico,

che è al 50% in quei cuccioli generati.

Figli e Uoli in Verità in Verità vi dico !

La cosiddetta "comunità" non esiste,

ma è appositamente inventata

per avere a disposizione un gregge 

in cui i pochissimi esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens 

che hanno tutto il denaro e tutto il potere 

mettono tutti gli altri, 

dopo averli annichiliti come individui 

e trasformati in miti e docili pecorelle, 

prima inventando e poi diffondendo

il cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", 

un presunto ed ipotetico interesse

di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens 

per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens,

assolutamente inesistente in Natura,

appositamente inventato

per poi essere utilizzato in modo subdolo,

volontariamente, scientificamente e consapevolmente,

per colpevolizzare il sano e naturale egoismo 

e criminalizzare i sani istinti naturali, 

con lo scopo 

volontariamente, scientificamente e consapevolmente perseguito

di togliere agli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens 

tutto ciò che hanno di più sano e naturale,

annichilirli come individui

e trasformarli in miti e docili pecorelle

per portarli tutti insieme a tosare 

per far lana,

per permettere cioè

ai pochissimi esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens 

che hanno tutto il denaro e tutto il potere 

di poterli agevolmente

controllare, sottomettere, sfruttare ed usare


Figli e Uoli in Verità in Verità vi dico !


In Natura non esiste 

una cosa chiamata "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" 

e gli esemplari più pericolosi della specie Homo Sapiens Sapiens

sono quelli che prima la inventano,

e poi la predicano e la simulano.


Quelli che prima inventano, e poi predicano e simulano "amore per il prossimo" e "fratellanza",

quelli che hanno sempre in bocca le parole "solidarietà", "beneficenza", "volontariato", "comunità" et ceteras et similia sono i più subdoli criminali della Terra:

essi operano per mantenere in condizioni di debolezza e dipendenza tutti gli altri con lo scopo di metterli nelle grinfie dei pochissimi che hanno tutto il denaro.

Il cosiddetto "amore per il prossimo" e/o la cosiddetta "fratellanza", cioè la convinzione che esista un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, in realtà inesistente in Natura

viene infilata nei cervelli usando lo stesso meccanismo psicologico che viene usato per infilare nei cervelli tutte le illusioni, tutte le menzogne e tutti gli imbrogli:

usando come presupposto la paura e l'angoscia che la consapevolezza della realtà genera in molti cervelli.

(N.D.R Vedi il sussidio pedagogico sopra: "Tutte le illusioni, tutte le menzogne e tutti gli imbrogli vengono infilati nei cervelli usando lo stesso meccanismo psicologico che si usa per infilare nei cervelli le illusioni, le menzogne e gli imbrogli della religione: vita eterna, dio e amore per il prossimo".)

Nella fattispecie dell' illusione chiamata "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" l' angoscia usata come presupposto per infilarla nei cervelli

è l'angoscia generata in moltissimi esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens dalla consapevolezza della totale estraneità degli altri,

che nasce dalla consapevolezza della realtà naturale di se stessi e di ogni altro esemplare dela specie Homo Sapiens Sapiens, il quale, come ogni essere vivente, è guidato dal suo sano e naturale istinto di sopravvivenza, che è un sano e naturale egoismo, e si occupa solo di se stesso e della sua sopravvivenza,

in primis di quella individuale e in secundis di quella del suo corredo genetico sulla Terra, che si assicura accoppiandosi con un esemplare dell' altro sesso della stessa specie, per poi occuparsi dei cuccioli generati allo scopo di aumentare le loro probabilita di sopravvivenza.

Il punto di partenza per infilare nei cervelli l' illusione chiamata "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", cioè la convinzione che esista un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, in realtà inesistente in Natura,

è dunque la presa d'atto, da parte di pochissimi arguti cialtroni, che in moltissimi esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens la consapevolezza della totale estraneità degli altri genera angoscia,

e che, per cancellare quell' angoscia, moltissimi esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens hanno bisogno di un' illusione che cancelli quella consapevolezza e l' angoscia che da quella consapevolezza nasce.

Per cancellare la consapevolezza della totale estraneità degli altri si inventa il cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens,

creato e forgiato avendo come riferimento l' interesse naturale degli esemplari adulti di ogni specie vivente per i cuccioli generati, l' istinto naturale che porta gli esemplari adulti ad accudire i cuccioli generati, un interesse istintivo e naturale che peraltro non ha nulla di altruistico, ma è di natura meramente egoistica,

perchè è semplicemente uno strumento necessario per aumentare le probabilità di sopravvivenza dei cuccioli generati che nel loro periodo di dipendenza hanno bisogno di esemplari adulti che si occupino di loro:

accudure i cuccioli generati vuol dire aumentare le loro probabilità di sopravvivenza, e, conseguentemente, aumentare le probabilità di far permanere il proprio corredo genetico, che è per il 50% in quei cuccioli, sulla Terra.

Il meccanismo psicologico che viene usato per infilare nei cervelli l' illusione chiamata "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", cioè la convinzione che esista un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, in realtà inesistente in Natura,

è dunque semplicissimo, ed è lo stesso che viene usato per infilare nei cervelli tutte le illusioni, tutte le menzogne e tutti gli imbrogli:

si parte dalla presa dì atto che una determinata consapevolezza della realtà angoscia molti esemplari dela specie Homo Sapiens Sapiens,

e prima si inventano e poi si infilano nei loro cervelli delle illusioni, delle menzogne e degli imbrogli che cancellino quelle consapevolezze della realtà,

per cancellare anche l'angoscia che da quelle consepevolezze della realtà nasce.

Fin qui la spiegazione delle modalità con cui viene infilato nei cervelli l' illusione chiamata "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", che come tutte le illusioni, tutte le menzogne e tutti gli imbrogli serve per cancellare una consapevolezza della realtà che angoscia ed attecchisce solo e soltanto negli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens che sono angosciati dalla conspevolezza della realtà ed hanno bisogno di una illusione, di una menzogna, di un imbroglio per cancellarla.

A questo punto qualcuno potrebbe dire: "Vabbè ma se illusioni, menzogne ed imbrogli servono a cancellare l'angoscia, tutto sommato esse hanno una funzione positiva".

Ma in realtà non è assolutamente così, perchè infilare illusioni, menzogne ed imbrogli nei cervelli degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens che sono angosciati dalla consapevolezza della realtà, usando la loro angoscia ed il conseguente bisogno di illusioni, menzogne ed imbrogli per cancellare quella consapevolezza e l' angoscia che ne deriva,

non è un' azione fatta in buona fede per cancellare l' angoscia, ma è un ' azione consapevolmente e scientificamente messa in atto, in totale mala fede, da pochissimi arguti cialtroni che hanno ha ben altri scopi: assicurarsi la possibilità di controllare, sfruttare ed usare milioni di esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens tenendoli lontani dalla consapevolezza della realtà.

Infilare illusioni, menzogne ed imbrogli nei cervelli degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens che sono angosciati dalla consapevolezza della realtà, usando la loro angoscia ed il conseguente bisogno di illusioni, menzogne ed imbrogli per cancellare quella consapevolezza e l' angoscia che ne deriva,

è la tecnica che viene scientificamente e consapevolmente usata da pochissimi arguti cialtroni per tenere milioni di esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens lontani dalla consapevolezza della realtà ed impedirgli di fatto di poter agire nella realtà in modo intelligente, visto e considerato che naturalmente ed ovviamente solo e soltanto chi ha una lucida consapevolezza della realtà può agire nella realtà in modo intelligente.

E proprio in quel modo viene usata anche l' illusione chiamata "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" dopo che essa è stata infilata nei cervelli di chi è angosciato dalla consapevolezza della realtà della totale estraneità degli altri,

sfruttando il bisogno di illusione che quei cervelli hanno per cancellare quella consapevolezza della realtà e la conseguente angoscia che ne deriva.

Per capire in che modo agisce l' illusione chiamata "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" ed in che modo essa permette ad alcuni arguti cialtroni di tenere milioni di esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens lontani dalla consapevolezza della realtà ed impedirgli di fatto di poter agire nella realtà in modo intelligente,

visto e considerato che naturalmente ed ovviamente solo e soltanto chi ha una lucida consapevolezza della realtà può agire nella realtà in modo intelligente.

è necessario spiegare prima non solo come viene infilato nei cervelli, ma qual è il modello di riferimento che permette di inventare e come si inventa il suddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza".

Il modello di riferimento per inventare il cosidetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", cioè la convinzione che esista un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, in realtà inesistente in Natura,

è il solo interesse realmente esistente in natura di un esemplare di una specie vivente per altri esemplari della ssa stessa specie:

l'interesse naturale, quello si realmente esistente, degli esemplari adulti dela specie per i cuccioli generati, un interesse naturale che peraltro non ha nulla di altruistico ma è di natura meramente egoistica,

perchè, come ho detto sopra, è semplicemente finalizzato ad aumentare le probabilità di sopravvivenza dei cuccioli generati che nel loro periodo di dipendenza hanno bisogno di esemplari adulti che si occupino di loro, in guisa tale che aumentando le probabilità di sopravvivenza dei cuccioli generati aumentino anche le probabilità di far permanere il proprio coredo genetico sulla Terra.

Inventare il cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", cioè un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, in realtà inesistente in Natura,

avendo come riferimento l'interesse naturale, quello si realmente esistente, degli esemplari adulti dela specie per i cuccioli generati,

e poi diffonderlo ed infilarlo bei cervelli,

vuol dire in pratica infilare nei cervelli la convinzione che ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens si occupa di ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens,

così come i genitori si occupano dei cuccioli generati,

in guisa tale da mantenere gli esemplari adulti della specie Homo Sapiens Sapeins in condizione di dipendenza infantile, in attesa di altri esemplari della specia Homo Sapiens Sapiens che si occupino di loro,

impedendo la loro naturale evoluzione verso l'autonomia dell'età adulta, in cui ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, guidato dal suo istinto di sopravvivenza, che è un sano e naturale egoismo,

si occupa solo e soltanto in primis di se stesso, per garantire la sua sopravvvenza individuale, e in secundis dei cuccioli generati, dopo essersi accoppiato con un esemplare dell' altro sesso della stessa per riprodursi, con lo scopo di mantenere sulla Terra il suo corredo genetico.

Si può ben dire, dunque, che il prodotto finale del cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", una volta che questa illusione è stata infilata nei cervelli, sono degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens che restano tutta la vita in condizione di dipendenza infantile,

dei "bambini in attesa di qualcuno che si occupi di loro",

incapaci di evolversi verso la naturale condizione di autonomia dell' esemplare adulto della speci ed incapaci di badare a se stessi,

quindi deboli e facilmente controllabili da chiunque si presenti loro come "padre", come individuo che in nome del cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" si occuperà di loro,

il quale naturalmente, necessariamente d inevitabilmente userà la loro condizione di dipendenza infantile e la loro conseguente debolezza per sottometterli, controllari e sfruttarli.

Ma il cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" opera anche in un altro modo, complementare a quello sopra descritto, che permette di mantenere esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens adulti in condizione di dipendenza infantile e debolezza per permettere a chiunque voglia controllarli, sottometterli, sfruttarli ed usarli di poterlo fare facilmente.

Una volta che il cossiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" è stato infilato nei cerveli, con le modalità sopra descritte,

una volta che si è convinto qualcuno che esista realmente un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, in realtà inesistente in Natura,

si presenta questo "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" come modello di riferimento per la vita, imponendo a tutti di amare tutti,

e criminalizzando e colpevolizzando gli esemplari sani della specie Homo Sapiens Sapiens, cioè quelli che, guidati dal loro sano e naturale istinto di sopravvivenza , che è un sano e naturale egoismo, si occupano solo di se stessi e della loro sopravvivenza, in primis di quella individuale e in secundis di quella del loro corredo genetico sulla Terra, che si garantiscono accoppiandosi con un esemplare dell' altro sesso della stessa specie, per poi occuparsi dei cuccioli generati allo scopo di aumentare le loro probabilita di sopravvivenza,

ai quali si dice che devono invece amare gli altri e farsi amare dagli altri, e che quindi ogni loro pensiero ed ogni comportamento deve piacere agli altri e compiacere agli altri, per farsi accettare dalla cosiddetta "comunità" in cui vivono, che è la sola cosa importante, mentre invece essi come individui non hanno alcuna importanza,

impedendo loro di manifestare ogni sano e naturale egolsimo che viene stigmatizzato come "colpa " e "peccato",

ed ottenendo come risultato finale degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens privati di tutto quello che hanno di più sano e naturale, sconnessi da se stessi, dal loro corpo, dalla loro vita, dalla Natura e dalla Terra,

incapaci di vivere iindividualmente in modo autonomo

perchè sempre preoccupati di amare gli altri e di farsi amare dagli altri, di piacere agli altri e di compiacere gli altri, per farsi accettare dalla cosiddetta "comunità" in cui vivono, che è la sola cosa importante, mentre invece essi come individui non hanno alcuna importanza.

Riassumo per concludere gli effetti finali su un esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens del cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza", dopo che è stato infilato nel suo cervello il cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza",

cioè la convinzione che esista un presunto ed ipotetico interesse di ogni esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens per ogni altro esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, in realtà inesistente in Natura.

In primis quell' esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens resterà per tutta la vita in condizione di dipendenza infantile,

un "bambino in attesa di qualcuno che si occupi di lui",

incapace di evolversi verso la naturale condizione di autonomia dell' esemplare adulto della speci ed incapace di badare a se stessi,

quindi debole e facilmente controllabile da chiunque gli si presenti come "padre", come individuo che in nome del cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" si occuperà di lui,

il quale naturalmente, necessariamente d inevitabilmente userà la sua condizione di dipendenza infantile e la sua conseguente debolezza per sottometterlo, controllarilo e sfruttarlo.

In secundis quell' esemplare della specie Homo Sapiens Sapiens, privato del suo sano e naturale egoismo e dei suoi sani istinti naturali, che vengono colpevolizzati e criminalizzati come "colpa" e "peccato", quindi di tutto quello che ha di più sano e naturale, e sconnesso da se stesso, dal suo corpo, dalla loro vita, dalla Natura e dalla Terra,

sara incapace di vivere individualmente in modo autonomo

perchè sempre preoccupato di amare gli altri e di farsi amare dagli altri, di piacere agli altri e di compiacere gli altri, per farsi accettare dalla cosiddetta "comunità" in cui vive, che gli è stata presentata come la sola cosa importante, mentre invece lui come individuo non ha alcuna importanza.

In tal guisa, inventando diffondendo il cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza" si ottiene un risultato straordinario per qualunque esemplare della sepcie Homo Sapiens che voglia controllare, sottomettere, sfruttare ed usare altri esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens,

che potrà realizzare il suo scopo senza usare la violenza, che è sicuramente lo strumento più immediato e diretto per controllare, sottomettere, sfruttare ed usare gli altri,

ma che è non solo troppo dispendioso perchè richiede la costruzione , l' organizzazione ed il finanziamento di forze speciali come esercito polizia et ceteras et similia,

ma è vieppiù impossibile allorchè. come in quasi tutte le società umane finora esistite, l'1% o anche meno degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens possiede tutta la ricchezza e deve controllare, sottomettere, sfruttare ed usare gli altri per mantenere tutta la sua ricchezza.

Il problema viene risolto da quell' 1% che ha tutto il denaro e tutto il potere inventando e poi diffondendo il cosiddetto "amore per il prossimo" e/o "fratellanza",

usando il quale milioni di esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens nati sani, forti e liberi sono annichiliti come individui, privati della loro autonomia e della loro libertà e trasformati in docili e miti pecorelle omologate nel gregge che sarà facilissimo portare dove si vuole, cioè a tosare per far lana per il padrone.

Milioni di esemplari dela specie Homo Sapiens Sapiens nati sani, forti e liberi, che hanno in se stessi naturalmente ed istintivamente il sano istinto di sopravvivenza, un sano e naturale egoismo che li porta sanamente e naturalmente ad occuparsi solo di se stessi e della loro sopravvivenza, in primis di quella individuale e in secundis di quella del loro corredo genetico sulla Terra, che si garantiscono accoppiandosi con un esemplare dell' altro sesso della stessa specie, per poi occuparsi dei cuccioli generati allo scopo di aumentare le loro probabilita di sopravvivenza,

vengono annichiliti come individui, resi deboli e dipendenti, trasformati in docili e miti pecorelle del gregge, in servi schiavi puttane di quell' 1% che ha tutto il denaro e tutto il potere, che approfittando della loro condizione di debolezza s di dipendenza potrà facilmente controllarli sottometterli, usarli e sfruttarli,

allo scopo di mantenere per sè tutta la ricchezza e tutto il potere.


ITE MISSA EST...IN MENTE CAPTA ET IN CULO !

AMENNE !


La conditio sine qua non
per creare una società umana secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura,
è distribuire egualmente la ricchezza
tra i componenti della società;
solo in una società siffatta
ha senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.

Au contraire
una società umana
in cui l' 1% possiede tutta la ricchezza
è una società contro natura,
perchè impedisce aprioristicamente
la creazione di una società secondo natura,
che mantenga la naturale condizione di eguaglianza
tra gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens
esistente nello stato di natura:
in una società siffatta
non ha alcun senso parlare
di eguaglianza, giustizia, libertà e democrazia.


SUSSIDIO PEDAGOGICO AUDIOVISIVO FINALE

Uno straordinario Vittorio Gassman nella parte di un cardinale
vi mostra nell' episodio "Tantum ergo" del film "I nuovi mostri"
tutto quello che ho scritto e che ho spiegato in modo dettagliato ed esaustivo qui sopra


Tantum ergo - I nuovi mostri

https://www.youtube.com/watch?v=TI-IJ5UiypU&t=109s


bimboserenoesorridenteperchèconsapevoledellarealtà




permalink | inviato da _Giamba_ il 31/1/2018 alle 18:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10  >>   febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

diario
Terapia intensiva di disintossicazione musicale
MoVimento Cinque Stelle
Coglioni e coglionatori
Specchietti per le allodole
I misteri della poltica
Le donne e l'amore
Buone notizie
Una risata vi seppellirà
I teoremi dello zio Giamba
Ma quanto so' buoni 'sti ebrei !
L'arte che mi piace
Il cinema che mi piace
Signoraggio bancario
Altra informazione
Il lento ma inesorabile degrado dei sinistri
Ogni comunità è sempre e comunque una mafia
I contributi di Giovan Maria Catalan Belmonte
Mi beo degli zotici
Angoscia. illusione, mistificazione, controllo
Il paese della libertà ? Maddechè ?
Friedrich Wilhelm Nietzsche
Max Stirner
Detti e citazioni latine
Comunicando con gli altri bloggers
Zia Democra
I Taliani
Cultura identitaria
AUT AUT O la vita come valore o il denaro come valore
Il cristianesimo è un delirio contro natura
L'unica realtà che esiste è l'individuo
Pier Paolo Pasolini
I coatti mentecatti della società dei consumi
L’ insostenibile leggerezza dell’ essere
Il gioco E’ le sue regole
Il pericoloso delirio della Fede nell’ Umanità;
Uscire fuori dalla logica economica
Chi crede avvelena anche te ! Digli di smettere !
Il virus Rousseau
Nativi americani
Buffoni di corte
Ezra Pound
Mio figlio è un uomo di successo ! Mi dispiace signora...
Arguti cialtroni
La televisiun la t'endormenta come un cujun
La società umana o è patriarcale o non è
Totò
Vaticano S.P.A.
Pantelleria
Ma l'Italia è in grado di dare nutrimento a tutti 'sti immigrati ?
Habere non haberi
Teste di prete
Apologia dello stronzo
Don Matteo Renzie: il pretino democristiano
Luigi Pirandello
Julius Evola
Sub specie aeternitatis
Mass media e manipolazione

VAI A VEDERE

Giamba Facebook
Giamba Twitter
Il fatto quotidiano
Wikileaks
NO TAV
Anticapitalismo
Altra Informazione
Cambiare stile di vita
Manifesto antimodernità
Lettera del capo indiano Seattle al presidente USA


 

 

Tutti i miei posts sono pubblicati

anche sul mio profilo facebook

www.facebook.com/giamba.pellei  

 

Potete trovare tutti i miei tweets

sul mio proiflo twitter

https://twitter.com/GiambaLibero

 

 

Il corpo è la mia grande ragione.

Esso non dice IO.

Esso fa IO.

C'è più verità nel corpo

che in tutte le religioni e le filosofie

della Terra.

L'unica realtà che esiste è l'individuo.

La cosiddetta "comunità" 

è un'invenzione di ricchi e potenti,

ed è sempre e comunque una mafia,

creata per annichilire gli individui,

omologarli in un gregge

e portarli tutti insieme a tosare

per far lana per il padrone.

 

 

CERCA