Blog: http://Giamba2016.ilcannocchiale.it

Dice: "Ascoli Piceno diventerà come quei villaggi del Far West disabitati e ventosi in cui cumuli di rovi rotolano in strade polverose". Dico: "Embè ? Quei villaggi hanno un loro fascino. Per la città di merda modello sarebbe un miglioramento".





Il mio post è una risposta a questo

http://giampierogiorgi.ilcannocchiale.it/2016/02/26/il_luogo.html

in cui Giorgigiampiero paventa l'eventualità

che Ascoli Piceno,

eletta città di merda modello 

nel 2013, 2014 e 2015,

e con ottime probabilità di diventarlo anche nel 2016,

diventi come

"quei villaggi del Far West disabitati e ventosi

in cui cumuli di rovi rotolano in strade polverose"



O Gio' e che problema c'è ? 

Quei villaggi del Far West disabitati e ventosi

 in cui cumuli di rovi rotolano in strade polverose 

so' bellissimi... 

Magari Ascoli diventasse così.

Sarebbe un miglioramento.


Ma poi va benissimo così.

Quello se meritano gli ascula'..

Anzi pure peggio.


Tanto agli ascula' che je frega ?

Basta che se mascherano a carnevale

e fanno quegli squallidi gruppi

in cui fanno sempre le stesse battute

da quarant' anni,

oppure se vestono simil-medioevele alla quintana

e sfilano tronfi e soddisfatti

pe' piazze e vie

e so contenti.


Falli cuocere nel loro brodo Giorgi.

Lentamente ed inserabilmente.

A fuoco lento.

Quello se meritano gli ascula'..

Anzi pure peggio.

LET IT BE Giorgi !

LET IT BE !



P.S.

A seguire sussidio pedagogico

in cui illustro dettagliatamente ed esaustivamente,

a chi non la conosce,

la ridente cittadina di Ascoli Piceno


La città di merda modello: Ascoli Piceno


Tra tutte le città di merda che ci sono in Italia, 

e sono tante, 

Ascoli Piceno è senza alcun dubbio

 la città di merda più di merda di tutte, 

al punto da poter essere definita, 

senza alcun dubbio, 

CITTA' DI MERDA NODELLO.

A questo punto 

qualcuno dei miei lettori potrebbe pensare 

ad un mio accanimento e ad un mio personale rancore 

verso questa cittadina e/o verso i suoi abitanti, 

che in realtà non mi appartengono affatto,

 non avendo io subito alcun torto 

nè dalla città nè dai suoi abitanti.

La mia scelta di Ascoli Piceno 

come CITTA' DI MERDA MODELLO 

è una semplice constatazione, 

che nasce da una valutazione oggettiva: 

in questa città e nei suoi abitanti 

sono presenti al massimo grado 

tutte le componenti fondamentali 

che fanno di una città una città di merda.

Per farvi capire le motivazioni della mia scelta 

passo dunque senza indugio 

ad elencare i fattori fondamentali 

che fanno di una città una città di merda.

1) Controllo sociale ossessivo. 

Chiunque entri in questa cittadina 

si sente per oppresso dagli sguardi indagatori 

dei suoi piccoli e mediocri abitanti,

 letteralmente impauriti ed angosciati

 da qualunque cosa che non sia "ascolana" 

e da qualunque individuo che non si adegui al loro modo di vivere 

2) Mancanza di cultura totale. 

Gli ascolani sono talmente igroranti 

ed a tal punto privi di ogni rapporto 

con qualunque cosa che possa assomigliare ad un libro

 da considerare come il più colto della città 

un poveraccio che cita a mente le poesie ascolane, 

un'orrenda accozzaglia di luoghi comuni e banalità, 

spesso copiate da poesie proverbiali abruzzesi o romane.

3) Chiusura totale verso tutto ciò che è forestiero. 

Ogni forestiero è visto come un potenziale nemico, 

come un individuo che viene a turbare

 il " modello di vita ascolano"

 che i poveracci considerano seriamente e sinceramente 

come qualcosa di ineguagliabile 

e che consiste praticamente in un ristagnare ossessivo e nauseante

 in abitudini di vita vecchie di decenni,

 tramandate di padre in figlio, 

a cui i poveracci sono legati in modo ossessivo

 e che per nessun motivo al mondo metterebbero in discussione


Tutte queste componenti, 

che sono i fattori fondamentali per definire una città

 CITTA' DI MERDA 

sono presenti al massimo grado nella città di merda chiamata Ascoli Piceno

 ed è per questo e solo per questo 

che la eleggo CITTA' DI MERDA MODELLO.

Pubblicato il 29/2/2016 alle 8.18 nella rubrica Mi beo degli zotici.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web