Blog: http://Giamba2016.ilcannocchiale.it

"Amore per il prossimo", "educazione formale", "beneficenza" sono inventati dai pochissimi che possiedono tutta la ricchezza per incantare tutti gli altri, allorchè si rendono conto che è impossibile mantenere tutta la ricchezza usando solo la violenza




In tutte le società umana finora esistite pochissimi hanno sempre e comunque posseduto tutta la ricchezza e tutto il potere ed hanno sempre e comunque usato ricchezza e potere per controllare, usare e sfruttare tutti gli altri.

Mantenere tutta la ricchezza e tutto il potere è, per quei pochissimi, la conditio sine qua non per continuare a far esistere società umane all' interno delle quali essi possano continuare a controllare, usare e sfruttare tutti gli altri.

Lo strumento più semplice e diretto usato da quei pochissimi per mantenere tutta la ricchezza e tutto il potere, che è in realtà quello usato per prima e in generale il più usato, è la forza e la violenza:

i pochissimi che possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere creano forze dell' ordine, pagate da loro e/o che operino quotidianamente alle loro dipendenze, legalmente autorizzate ad usare la forza e la violenza contro quegli individui che vorrebbero redistribuire ricchezza e potere.

Ma ad un certo punto i pochissimi che possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere, usano la ricchezza e il potere per controllare, usare e sfruttare tutti gli altri, ed hanno bisogno di mantenere tutta la ricchezza e tutto il potere per continuare a controllare, usare e sfruttare tutti gli altri

si rendono conto che è impossibile mantenere tutta la ricchezza e tutto il potere usando solo la violenza,

perchè essi sono pochissimi e gli altri sono tantissimi,

e mantenere forze dell' ordine che operino quotidianamente alle loro dipendenze, legalmente autorizzate ad usare la forza e la violenza contro quelli che vorrebbero redistribuire ricchezza e potere,

è in primis sempre e comunque troppo dispendioso,

ed in secundis è spesso addirittura impossibile, perchè quelle forze dell' ordine che operano quotidianamente alle dipendenze di quei pochissimi si trovano a dover reprimere l' azione di tutti gli altri, che sono tantissimi, che vuole redistribuire ricchezza e potere per creare una società di liberi ed eguali, una società in cui esistano realmente giustizia, eguaglianza, democrazia e libertà,

ergo

quelle forze dell' ordine non riescono a reprimere milioni di individui che vogliono redistribuire ricchezza e potere per creare una società di liberi ed eguali, una società in cui esistano realmente giustizia, eguaglianza, democrazia e libertà.

A questo punto i pochissimi che possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere si rendono conto che è impossibile mantenere tutta la ricchezza e tutto il potere usando solo la violenza,

e sono costretti ad inventare qualcos' altro per raggiungere il loro scopo: mantenere tutta la ricchezza e tutto il potere per continuare a controllare, usare e sfruttare tutti gli altri.

Nascono "amore per il prossimo", "educazione formale", "solidarietà", "beneficenza" et ceteras et similia,

meri espedienti per distrarre ed incantare tutti gli altri,

per impedire che tutti gli altri si rendano conto della più atroce ed inaudita violenza che da sempre esiste all' interno della società umana,

cioè che pochissimi possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere ed usano ricchezza e potere per controllare, sfruttare ed usare la vita di tutti gli altri,

per impedire che tutti gli altri si rendano conto della atroce ed inaudita violenza che viene compiuta quotidianamente sulle loro vite da quei pochissimi che possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere ed usano la loro ricchezza ed il loro potere per controllarli, usarli e sfruttarli,

in guisa tale che milioni di esemplari della specie Homo Sapiens Spaiens, distratti ed incantati a colpi di "amore per il prossimo", "educazione formale", "solidarietà", "beneficenza" et ceteras et similia,

non combattano per redistribuire ricchezza e potere all' interno della società umana

allo scopo di creare quella condizione di eguale distribuzione della ricchezza e del potere tra tutti i componenti di una società che è la conditio sine qua per creare una società realmente libera e democratica, una società in cui esistano realmente giustizia, uguaglianza, giustizia e libertà, una società di liberi ed eguali.

Riassumo per concludere.

Usando "amore per il prossimo", "educazione formale", "solidarietà", "beneficenza" et ceteras et similia

i pochissimi che possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere ed usano ricchezza e potere per controllare, sfruttare ed usare la vita di tutti gli altri

riescono ad incantare e a distrarre milioni di individui e ad impedire che essi si rendano conto della più atroce ed inaudita violenza che da sempre esiste all' interno della società umana:

pochissimi possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere ed usano ricchezza e potere per controllare, sfruttare ed usare la vita di tutti gli altri,

In tal, guisa milioni di esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens, distratti ed incantati a colpi di "amore per il prossimo", "educazione formale", "solidarietà", "beneficenza" et ceteras et similia,

non combatteranno per redistribuire ricchezza e potere all' interno della società umana,

si diminuirà fortemente il numero degli individui che combattono per redistribuire ricchezza e potere all' interno della società umana,

e le forze dell' ordine che operano quotidianamente alle dipendenze dei pochissimi che hanno tutta la ricchezza e tutto il potere, legalmente autorizzate ad usare la forza e la violenza contro quelli che vorrebbero redistribuire ricchezza e potere,

si troveranno a dover reprimere un numero minore di individui

ergo

in primis il loro compito diverrà possibile,

in secundis l' operazione di repressione diverrà meno dispendiosa per i pochissimi che possiedono tutta la ricchezza e tutto il potere.

P.S. Se pensate che è troppo lungo ve lo faccio spiegare da Voltaire...



...oppure da Etienne de la Boetie

Pubblicato il 12/3/2018 alle 18.58 nella rubrica Zia Democra.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web