Blog: http://Giamba2016.ilcannocchiale.it

Come sono cambiate le cose dai tempi di Pirandello ad oggi...




Il buon Luigi diceva ai suoi tempi
che nel lungo tragitto della vita
si incontrano tante maschere e pochi volti.

Oggi i volti non ci sono proprio più...

Solo individui senza volto,
cioè privi di ogni identità,
che possono indossare ogni maschera possibile,
senza avere neanche più il problema
di usare la maschera per nascondere il volto,
perchè un volto,
cioè un' identità,
non ce l' hanno più.

Io sono una forza del Passato.
Solo nella tradizione è il mio amore.
Vengo dai ruderi, dalle chiese,
dalle pale d'altare, dai borghi
abbandonati sugli Appennini o le Prealpi,
dove sono vissuti i fratelli.
Giro per la Tuscolana come un pazzo,
per l'Appia come un cane senza padrone.
O guardo i crepuscoli, le mattine
su Roma, sulla Ciociaria, sul mondo,
come i primi atti della Dopostoria,
cui io assisto, per privilegio d'anagrafe,
dall'orlo estremo di qualche età
sepolta. Mostruoso è chi è nato
dalle viscere di una donna morta.
E io, feto adulto, mi aggiro
più moderno di ogni moderno
a cercare fratelli che non sono più




Pubblicato il 25/3/2019 alle 8.18 nella rubrica Luigi Pirandello.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web