Blog: http://Giamba2016.ilcannocchiale.it

Domanda: "Chi ti ha fatto perdere la fiducia negli esseri umani ?" Rispondo: "Io non mi sono mai fatto illusioni sugli esseri umani, quindi, non essendomi mai fatto illusioni sugli esseri umani non "ho mai perso la fiducia negli esseri umani".


Io da sempre uso i cinque sensi per raccogliere dati sensoriali dalla realtà ed il cervello per elaborare i dati sensoriali così ottenuti,

in guisa tale da avere "consapevolezza della realtà", da costruire cioè un' immagine mentale della realtà che sia più simile possibile alla realtà effettiva da usare per un ' azione intelligente, utile e conveniente nella realtà.

Ho sempre usato il cervello in questo modo anche per osservare gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens e questo mi ha portato ad avere consapevolezza della realtà degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens, cioè la consapevolezza di quel che essi realmente sono e di quel che essi realmente fanno,

ERGO

non mi sono mai fatto illusioni sugli esseri umani

ERGO

non essendomi mai fatto illusioni sugli esseri umani
non "ho mai perso la fiducia negli esseri umani.

Ricordo che fin da piccolo, pur essendo dotato di un' intelligenza già spiccata, facevo finta di essere un "bambino stupido", perchè gli adulti, si sa, se pensano di avere davanti dei "bambini stupidi" si manifestano per quel che sono, senza finzioni,

e in tal guisa avevo la possibilità di osservare gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens per quel che realmente sono, e non per quel che fingono di essere, come fanno di solito.

N.D.R. Verso i sedici anni ho scoperto una massima di Francois de La Rochefoucauld: "Fare finta di essere stupidi è la più sublime forma di intelligenza", che confermava la validità di quella tecnica che io usavo fin da piccolo in modo empirico.

Quello che poi ho scoperto da adulto è che la cosa che gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens odiano di più è proprio la consapevolezza della realtà, in particolare la consapevolezza di quel che essi realmente sono e di quel che essi realmente fanno,

perchè la consapevolezza della realtà, in particolare la consapevolezza di quel che essi realmente sono e di quel che essi realmente fanno,

spazza via tutte le mistificazioni della visione buonista cristiano - rousseauiana dell' uomo come "buon selvaggio ispirato da amore per il prossimo per cui si deve avere fiducia"

che gli servono a coprire quello che essi sono, e, conseguentemente, tutte le azioni infami ed ignobili che essi subdolamente e nascostamente fanno.

Per questo fanno argutamente delle domande come la tua "Chi ti ha fatto perdere la fiducia negli esseri umani ?" per confermare la validità della loro della visione buonista cristiano - rousseauiana dell' uomo come "buon selvaggio ispirato da amore per il prossimo per cui si deve avere fiducia",

perchè la domanda "Chi ti ha fatto perdere la fiducia negli esseri umani ?" parte dal presupposto che gli esseri umani meritino fiducia perchè sono dei "buoni selvaggi ispirati da amore per il prossimo per cui si deve avere fiducia",

e che pertanto la normalità sia "avere fiducia negli esseri umani"

mentre invece chi, come me, ha una semplice consapevolezza della realtà di quel che gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens realmente sono e di quel che essi realmente fanno, a cui è giunto con un' osservazione attenta della realtà degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens,

senza avere nè fiducia nè sfiducia negli esseri umani,

sia uno che ha dei problemi e che ha "perso la fiducia negli esseri umani" che gli esseri umani invece secondo la loro visione buonista cristiano - rousseauiana dell' uomo meritano perchè sono "buoni selvaggi ispirati da amore per il prossimo per cui si deve avere fiducia",

solo perchè ha avuto delle esperienze negative con gli esseri umani che lo hanno traumatizzato e che gli hanno fatto perdere la fiducia negli esseri umani,

mentre invece le cose in realtà stanno esattamente al contrario:

proprio chi ha consapevolezza della realtà di quel che gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens realmente sono e realmente fanno, quindi li conosce bene, non ha mai esperienze negative con loro.

Questo odio degli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens per la consapevolezza della realtà, in particolare per la consapevolezza di quel che essi realmente sono e di quel che essi realmente fanno,

fa si, naturalmente ed ovviamente, che essi finiscano necessariamente ed inevitabilmente per diare chi porta la consapevolezza della realtà, quindi anche la consapevolezza di quel che gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens realmente sono e realmente fanno,

ed ha naturalmente ed ovviamente delle conseguenze ben precise per chi porta la consapevolezza della realtà, quindi anche la consapevolezza di quel che gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens realmente sono e realmente fanno,

il quale non solo deve prevedere ma deve dare per scontato che gli altri esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens si coalizzeranno contro di lui per farlo "passare per matto",

riproponendo tutti insieme con forza la visione buonista cristiano - rousseauiana dell' uomo come "buon selvaggio ispirato da amore per il prossimo",

profondamente consapevoli che essa è una mistificazione che serve a coprire quello che essi sono e tutte le azioni infami ed ignobili che essi subdolamente e nascostamente fanno,

per attaccare tutti insieme chi porta la consapevolezza della realtà, quindi anche la consapevolezza di quel che gli esemplari della specie Homo Sapiens Sapiens realmente sono e realmente fanno,

che invece sarebbe "un povero matto che non ama l'umanità e che vede il male dappertutto solo perchè ha avuto delle espeienze negative che lo hanno traumatizzato e che gli hanno fatto perdere la fiducia negli esseri umani",

perchè farlo passare per matto è il solo modo per impedire che egli sia ascoltato quando porterà la consapevolezza della realtà, quindi anche la consapevolezza di quel che essi realmente sono e di quel che essi realmente fanno;

e se nessuno lo ascolterà quando egli porterà la consapevolezza della realtà, quindi anche la consapevolezza di quel che essi realmente sono e di quel che essi realmente fanno,

essi potranno continuare a proporre tutte le mistificazioni della visione buonista cristiano - rousseauiana dell' uomo come "buon selvaggio ispirato da amore per il prossimo" che gli servono a coprire quello che realmente sono e tutte le azioni infami ed ignobili che subdolamente e nascostamente fanno,

e, conseguentemente, coperti da quella visione buonista cristiano - rousseauiana che mistifica completamente quel che essi sono realmente e quel che essi fanno realmente,

potranno continuare ad essere quello che sono e a fare tutte le azioni infami ed ignobili che subdolamente e nascostamente fanno.

Pubblicato il 19/10/2019 alle 18.58 nella rubrica Il pericoloso delirio della Fede nell’ Umanità; .

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web